Regione, approvata la legge contro il bullismo anche di matrice omotransfobica

Standard

campania_logoIl Consiglio Regionale della Campania ha approvato ieri all’unanimità la legge contro il bullismo e il cyberbullismo, con un riferimento specifico al bullismo omotransfobico.

Il risultato è il frutto del lavoro del Consigliere Carmine De Pascale (capogruppo alla Regione della lista De Luca Presidente), supportato dagli altri componenti della VI commissione, e in particolare dal Consigliere di opposizione Luigi Cirillo (Movimento 5 Stelle). Quest’ultimo, nel corso della discussione, ha preso la parola per sottolineare il valore di questa legge contro l’omofobia e il bullismo omofobico rilanciando anche la costituzione dell’Osservatorio Regionale contro i fenomeni di omotransfobia.

La legge prevede, tra i vari punti, l’istituzione della Settimana Regionale d’Azione contro il Bullismo e il Cyberbullismo, un fondo speciale per gli interventi nelle scuole, l’istituzione del Comitato Regionale per la lotta al bullismo e al cyberbullismo e l’istituzione di programmi di formazione e supporto per i genitori. Continua a leggere

“Il numero uno”, le confessioni di un marchettaro a Poetè

Standard

poete_mangiacapra Nuovo appuntamento giovedì 4 maggio nel salottino del Chiaja Hotel de Charme, con la rassegna letteraria Poetè .

Ospiti del salotto letterario curato da Claudio Finelli saranno Francesco Mangiacapra e Mario Gelardi, rispettivamente autore e curatore de “Il numero uno. Confessioni di un marchettaro” (Iacobelli editore). Interviene Antonello Sannino (Ass. radicali Napoli Ernesto Rossi).

Poco è stato detto e scritto della prostituzione maschile moderna, figlia dell’inflazione dei titoli di studio, della disoccupazione e del precariato che ha coinvolto anche tanti brillanti laureati. E poche sono le persone disposte a raccontarsi con trasparenza e lealtà. In questo libro Francesco – “l’escort più conosciuto di Napoli” – ci conduce in un viaggio all’interno dei vizi delle persone più insospettabili ma ci fa anche riflettere sull’amore e sulla dignità. Francesco si mostra per quello che è e non chiede l’assoluzione o la comprensione di nessuno, semplicemente perché non ne ha bisogno: lui è il Numero Uno. Continua a leggere

L’Orestea di Testori a Galleria Toledo

Standard

SdisoreSarà in scena fino al 30 aprile a Galleria Toledo lo spettacolo “SdisOrè” di Giovanni Testori per la regia di Gigi Dall’Aglio con Michele Maccagno e le musiche eseguite da Emanuele Nidi.

“SdisOrè” ripercorre la strada della riscrittura delle grandi tragedie, già sperimentata da Testori con Ambleto, Macbetto e Edipus. L’Orestea di Eschilo diventa materia plasmabile da reinventare radicalmente, per affidare ad un narratore monologante il tormento di Oreste, le voci e i corpi di Clitennestra, Egisto e Elettra. Centro del testo è la parola incarnata che genera ogni volta una lingua nuova, dove il dialetto lombardo è solo il polo d’attrazione al quale si legano lingue vive e inventate.

Un solo attore in scena da’ vita a tutti i personaggi, ma continua a fermarsi per far emergere la sua storia, perché solo partendo dalla nostra identità si può far emergere quella altrui: Oreste torna a casa per vendicare il padre Agamennone, ucciso da Clitennestra e dal suo nuovo ganzo, Egisto, che ora ne usurpa il trono. Accompagnato dall’amico Pilade, trova ad attenderlo alla tomba di Agamennone la sorella Elettra. Continua a leggere

Ad Aversa la prima trans non operata a sposarsi civilmente

Standard

atn_aversaGiovedì 27 aprile ad Aversa (Na), il Sindaco Domenico de Cristoforo celebrerà il matrimonio civile tra Alessia Cinquegrana e Michele Picone.

Già Miss Italia Trans 2014 e socia dell’ATN – Associazione Trans Napoli (che la ha assistita nel percorso legale e psicologico), Alessia è la prima donna trans in Italia che, dopo aver avuto la riattribuzione di sesso senza doversi sottoporre all’intervento demolitivo, può felicemente coronare il suo sogno di unirsi in matrimonio con il proprio compagno. Continua a leggere

Sentenza storica: cittadino russo riconosciuto rifugiato politico in quanto omosessuale

Standard

Sabato 22 aprile alle ore 17.00 in piazza Dante a Napoli si terrà un presidio per condannare le persecuzioni di omosessuali in Cecenia

putin_rainbowIl Tribunale di Salerno ha riconosciuto a Andrea L., un cittadino russo, lo status di rifugiato politico in quanto omosessuale: arrivato in Italia nel 2014 per sfuggire alle discriminazioni e alle violenze in seguito alla legge anti-propaganda omosessuale emanata in Russia nel 2013, in un primo momento il ragazzo si è visto rifiutare la domanda di Protezione Internazionale.

Grazie all’impegno dello Sportello MigraAntinoo di Arcigay Napoli e in particolare dell’Avvocato Mara Biancamano che ha impugnato il diniego innanzi al Tribunale di Salerno, il Giudice con ordinanza del 18 aprile 2017 ha riconosciuto ad Andrea lo status di rifugiato.

“Il provvedimento – spiega l’Avvocato Biancamano – è molto importante perchè riconosce il più alto grado di protezione ad una persona omosessuale proveniente dalla Russia. Nel provvedimento è riconosciuto che la situazione dei diritti delle minoranze lgbt in Russia si delinea come una situazione di grave e diffusa discriminazione sul piano sociale, anche per tradizionale abitudine culturale alla criminalizzazione degli orientamenti omosessuale”.

Continua a leggere

Regione Campania, depositato testo di legge contro l’omotransfobia

Standard

campania_logoE’ stata deposita ieri presso la VI Commissione Politiche sociali la proposta di Legge Regionale dal titolo “Norme per la prevenzione ed il contrasto delle discriminazioni determinate dell’orientamento sessuale o dall’identità di genere” .

Ad accogliere positivamente la notizia il Coordinamento Campania Rainbow (che include le associazioni e i collettivi lgbt di tutta la Regione Campania) che al primo punto della piattaforma politica sottoposta alle forze politiche nel maggio 2015 prevedeva proprio una legge regionale contro l’omotransfobia cosi come depositata oggi in Consiglio Regionale.

A depositare il testo, frutto del lavoro di coordinamento con la comunità lgbt (ed in particolare del lavoro di Salvatore Simioli, Stefano Celentano e Barbara Mancusi) il Consigliere Carmine De Pascale (capogruppo alla Regione della lista De Luca presidente): si tratta di un testo di legge all’avanguardia nel quadro nazionale ancora privo di una legge che possa tutelare adeguatamente le persone lesbiche, gay, bisessuali e trans vittime di discriminazione e violenza. Continua a leggere

“Aeffetto Domino”, il film di Fabio Massa al Cinema Arcobaleno

Video

Giovedì 30 marzo al Multisala Arcobaleno, sarà presentato il film “Aeffetto Domino” diretto e interpretato da Fabio Massa. Il protagonista, Lorenzo, vede sconvolta la propria vita a causa di una melanoma in fase avanzata che provoca un effetto domino che investe il rapporto con il suo ex compagno, con la sua famiglia e con tutti i suoi affetti. Tra gli interpreti Cristina Donadio, Pietro De Silva, Salvatore Cantalupo, Mohamed Zouaoui e Martina Liberti. Il film è stato presentato in anteprima all’ultima edizione festival del Cinema Internazionale Capri-Hollywood.

Il Multisala Arcobaleno di Napoli, si trova in via Consolavo Carelli a Napoli (Vomero). Orario spettacoli: 16.00 / 18.30 / 20.30. In occasione dell’ultima proiezione sarà presente il cast in sala. Costo del biglietto: € 5.00.

Doppio Poetè: donne e Famiglie Arcobaleno al Chiaja Hotel

Standard

poete_fa Doppio appuntamento, quello di giovedì 30 marzo nel salottino del Chiaja Hotel de Charme, con la rassegna letteraria Poetè .

Ospiti del salotto letterario curato da Claudio Finelli saranno Gianluca Pirozzi (autore di “Nomi di donna”) e Alessandro Taurino (autore di “Due papà, due mamme. Sfatare i pregiudizi”. Intervengono Paola Calvi, Carlo Turchesi e alcuni rappresentanti di Famiglie Arcobaleno. Letture di Cecilia Lupoli.

In “Nomi di donna”, restituite agli occhi di chi legge, sfilano le vite di Stella, Clara, Edda, Diana e altre ancora: nomi di donna, appunto, involucri vuoti dalla forma definita che vengono riempiti da desideri, voglia di libertà, aneliti creativi ma anche istinti distruttivi, dolore e menzogna. In “Due papà, due mamme. Sfatare i pregiudizi” si parla invece di genitorialità omosessuale e ci si chiede perché sembra resistere una visione di omogenitorialità come contesto disadattivo e deviante per la crescita dei bambini e delle bambine. Continua a leggere

Omofobia, due aggressioni a Quarto e a Scampia

Standard

omofobia1Due aggressioni di stampo omofobo, si sono verificate negli ultimi giorni a Quarto e a Scampia. Il primo caso, avvenuto sabato scorso, è stato reso noto dalla stessa vittima sul suo profilo Facebook: Dario viene prima importunato sul treno che da Napoli lo porta a Quarto da alcuni ragazzi che lo prendono in giro per il suo abbigliamento e poi, giunto a destinazione, da varie persone che incontra sul percorso che lo porta a casa; ogni richiesta di aiuto cade nel vuoto e anche i Carabinieri a cui si rivolge non fanno nulla.

Il secondo caso viene riportato, invece, da La Repubblica Napoli, vitima un uomo di 36 anni, aggredito da due ragazzi di 14 e 17 anni: l’uomo è stato ferito da una bottiglia che i due ragazzi gli hanno lanciato. In seguito alla denuncia dell’uomo i due minori sono stati individuate e denunciati.

“Nell’ultimo mese – dichiara Antonello Sannino, presidente di Arcigay Napoli – la situazione si è andata facendo sempre più critica e siamo preoccupati per queste ondata violenta e reazionaria contro la comunità lgbt, che però finalemente denuncia sempre con maggior frequenza. Occorre ora programmare interventi strutturarti nelle scuole e nella società civile, chiediamo ancora una volta che il Comune di Napoli possa finalemte individuare un luogo di accoglienza per le persone gay bisessuali lesbiche e trans vittime di violenza”

“1983 Butterfly” a Galleria Toledo

Standard

galleriatoledo_1983Sarà in scena fino a domenica 19 marzo al teatro Galleria Toledo lo spettacolo “1983 Butterly”, scritto e diretto da Giorgia Cerruti che ne è anche interprete insieme a Davide Giglio.

Lo spettacolo racconta la storia d’amore e di spionaggio basata sulla controversa biografia di Bernard Boursicot, addetto diplomatico presso l’ambasciata francese di Pechino: l’incontro di questi nel 1964 con la cantante dell’Opera di Pechino, Shi Pei Pu, negli anni in cui Mao Tze-Tung era alla guida della Repubblica Popolare Cinese, s’intreccia al corso della politica internazionale della seconda metà del Novecento.

La pièce offre vigorosi spunti per una indagine sulla definizione della sessualità e del gender, sulla manipolazione politica e giudiziaria, sull’opportunità etica e morale e sulla opposizione dei concetti di verità e verosimiglianza. Continua a leggere