“Do not disturb”, il teatro si fa d’estate al Grand Hotel Parker

Standard

due-stanzeSi rinnova al Grand Hotel Parker’s l’appuntamento con “Do not disturb – Il teatro si fa in albergo”, il format ideato da Mario Gelardi, con una speciale edizione estiva che si svolgerà nelle ultime tre domeniche di luglio con tre diversi fili conduttori: segreti, coppie felici e un’edizione speciale dedicata a William Shakespeare.

Si parte domenica 17 luglio con tre storie dedicate al tema del segreto: “Lo faccio per te” interpretata da Gennaro Maresca e Simone Fiorillo; “Anna sui tacchi” con Irene Grasso e Carlo Geltrude; “L’ospite atteso” con Carlo Caracciolo e Riccardo Ceccarelli. Il concierge è Vincenzo Antonucci. La regia è curata da Mario Gelardi e Carlo Caracciolo.

Le stanze teatrali del primo appuntamento custodiscono tutte un segreto che impedisce ad uno dei due personaggi di essere realmente se stesso ed il cui svelamento cambierà il destino dei rapporti: le coppie saranno raggiunte dal pubblico proprio nel momento in cui uno dei due non ce la farà più a reggere il peso e sarà costretto a parlare.

Il ciclo proseguirà il 24 e il 31 luglio con due appuntamenti che, alla storica squadra di autori formata da Mario Gelardi e Claudio Finelli, vedranno aggiungersi Antonio Maiorino Marrazzo e Fabiana Fazio.

Domenica 24 sarà la volta delle “Shakespeare’s rooms” (scritte da Maiorino Marrazzo e Gelardi), che prendono a prestito storie e personaggi del Bardo calandoli in una dimensione contemporanea. Il 31 luglio, invece, due stanze dedicate alle coppie felici (scritte da Fazio e Gelardi) che si concluderà con un inaspettato incrocio tra le vicende dei quattro protagonisti che porterà ad un finale dal shnitzleriano.

Orario spettacoli: ore 18.00 e ore 20.00 (domenica 17 e 31 luglio); ore 18.00 e ore 19.30 (domenica 24 luglio). Costo del biglietto: 12 euro.

Il Grand Hotel Parker’s, si trova in corso Vittorio Emanuele 135 a Napoli.
Per info e prenotazioni: 339 66 66 426 | info@nuovoteatrosanita.it | nuovoteatrosanita.it

foto di scena: Vincenzo Antonucci