Trans aggredita a Fuorigrotta, terzo caso in poche settimane

Standard

transfobiaE’ accaduto la scorsa notte a Fuorigrotta, una donna trans è stata picchiata in strada e poi trascinata sul marciapiede. Si tratta del terzo caso di violenza a sfondo transfobico nella zona nel giro di poco tempo. Nelle scorse settimane, infatti, una donna trans è stata uccisa ed un’altra accoltellata.

A denunciarlo e l’ATN-Associazione Trans Napoli, di cui la vittima era socia, che chiede alle istituzioni locali un incontro per intervenire e far cessare questa violenza in attesa che la legge contro l’omofobia venga approvata.

“Gli strumenti sono cambiati – si legge in una nota dell’associazione – ma le persone trans sono ancora sconosciute alle Istituzioni che con le loro condotte omissive, continuano a esiliare e confinare le persone trans ai margini della società”

Ma i casi di violenza sono all’ordine del giorno, come quello di cui è stata vittima Alessia Becchimanzi, un’altra socia di ATN, che in occasione del ballottaggio alle ultime elezioni Comunali è stata aggredita fuori dal seggio.

Anche Arcigay Napoli si rivolge alle istituzioni napoletane, chiedendo di aprire un tavolo di confronto con le associazioni lgbt e rilanciando la proposta di utilizzare la ex base Nato come luogo di accoglienza per persone lgbt vittime di violenza.

“Si tratta dell’ennesima vicenda di violenza – dichiara Daniela Lourdes Falanga, responsabile per le politiche trans dell’associazione – che ancora una volta ci mette a confronto con una realtà in cui l’odio transfobico è forte e continua a tradursi in una negazione violenta e omicida. Occorre che si prendano seri e immediati provvedimenti per tutelare quanti vivono con coraggio la propria identità”

Un pensiero su “Trans aggredita a Fuorigrotta, terzo caso in poche settimane

I commenti sono chiusi.