“Kju Festival”, teatro e incontri ‘queer’ al Nuovo Sanità

Standard

kju_festivalSi svolgerà dal 17 al 26 giugno al Nuovo Teatro Sanità di Napoli il Kju Festival, festival teatrale dedicato al mondo queer (termine – traducibile con “insolito” e “eccentrico” – utilizzato in contrapposizione agli stereotipi diffusi nel mondo gay da chi rifiuta le tradizionali identità di genere).

L’edizione zero di questo Campania Queer Festival sperimenterà un momento di confronto possibile, raccontando attraverso linguaggi diversi il tema della diversità per dimostrare che la “cultura” prevede sempre un allargamento di orizzonti senza escludere idee, generi e forme di vita.

Il festival si svolgerà in due week-end di spettacoli teatrali e una settimana di incontri che, oltre allo spazio teatrale del quartiere Sanità, coinvolgernno la Galleria PrimoPiano e il caffè letterario Il Tempo del Vino e delle Rose.

Ad inaugurare la rassegna sarà “Chiromantica ode telefonica agli abbandonati amori” (Nuovo Teatro Sanità, venerdì 17 giugno) di Roberto Solofria e Sergio del Prete: un incontro con la drammaturgia degli anni ’80 – quella di Moscato, Patroni Griffi, Ruccello e Silvestri – che ha modificato le strutture teatrali rappresentando un mondo in profondo mutamento.

Il primo week-end, poi, vedrà in scena lo spettacolo “Le regole del gioco del tennis” (Nuovo Teatro Sanità, sabato 18), scritto da Mario Gelardi e diretto da Carlo Caracciolo, e il reading “Benzina” (Galleria PrimoPiano, domenica 19), liberamente ispirato al romanzo di Elena Stancanelli nell’adattamento di Daniele Falleri, con in scena Gea Martire, Denise Capezza, Annalisa Direttore ed Eduardo Di Pietro.

Il secondo fine settimana si aprirà con “redFrida” (Nuovo Teatro Sanità, venerdì 24) performance “visiva” di Ciro Pellegrino ispirata alla figura di Frida Kahlo. Chiuderà la manifestazione “Leopardi amava Ranieri” scritto da Claudio Finelli e Antonio Mocciola per la regia di Mario Gelardi che racconta gli ultimi giorni di Giacomo Leopardi e del suo rapporto con Antonio Ranieri.

Ad inaugurare gli incontri, invece, sarà Franco Buffoni che, lunedì 20 giugno alle 21.00 dalle frequenze di Radio Amore, parlerà del suo ultimo libro con Claudio Finelli nel corso di un edizione speciale di “L’altra Frequenza”. Martedì 21 sarà proiettato il documentario “Metamorfosi” di Paolo Lipartiti (Nuovo Teatro Sanità, ore 21.00). Mercoledì 22, Claudio Finelli e Antonio Mocciola dialogano con Bruno Casini e Giovanni Minerva in un incontro dal titolo “Tra scrittura e festival lgbt” (Il Tempo del Vino e delle Rose, ore 18.00).

Giovedì 23 giugno la senatrice Monica Cirinnà discuterà della legge sulle Unioni civili recentemente approvata in Parlamento con il costituzionalista Massimo Villone e il presidente di Arcigay Napoli Antonello Sannino (Nuovo Teatro Sanità, ore 18.00). Il ciclo di incontri si chiuderà venerdì 24 con un appuntamento dedicato alla poesia che vedrà protagonisti Luca Baldoni e Marco Simonelli (Il Tempo del Vino e delle Rose, ore 18.00)

Orario spettacoli: ore 21.00 (venerdì e sabato), ore 19.00 (domenica).
Consulta il programma completo: nuovoteatrosanita.it/kju-festival

Tutti gli incontri sono ad ingresso libero fino ad esaurimento posti. Il biglietto unico per gli spettacoli teatrali è di 5 euro, gratuito per gli abbonati del Nuovo Teatro Sanità e i tesserati Arcigay Napoli (previo prenotazione).

Il Kju Festival è realizzato dal Nuovo Teatro Sanità su proposta di Arcigay Napoli con il sostegno di Optima Italia.

Il Nuovo Teatro Sanità si trova in piazzetta San Vincenzo (quartiere Sanità) a Napoli.
Per info e prenotazioni: 339 666 64 26 | info@nuovoteatrosanita.it