Elezioni a Salerno: “una campagna elettorale senza cittadini lgbt”

Standard

comune_salernoE’ stata presentata ieri la campagna #afarsalernocominciatu. In vista delle Elezioni Amministrative del prossimo 5 giugno, Arcigay Salerno, infatti, chiede ai candidati al Comune e al Consiglio Comunale di Salerno un impegno chiaro e concreto.

L’associazione ritiene, infatti, che nulla o poco è stato detto sul tema dei diritti civili e delle discriminazioni delle persone gay, lesbiche e transessuali in quella che l’allora Sindaco Vincenzo De Luca definì “città laboratorio” in Europa sul tema dei Diritti Civili.

“Era quest’ultima – si legge in un comunicato dell’associazione – una dichiarazione dell’ex sindaco espressa nel corso delle manifestazioni che organizzammo intorno al Pride regionale del maggio 2012. Molte speranze allora si accesero in chi, come noi, vive sulla propria pelle il peso dell’esclusione e dello stigma sociale. A noi pare che nel dibattito che si sta sviluppando a Salerno intorno alla campagna elettorale si continua a pensare ad una città senza alcuni dei suoi cittadini; senza i cittadinidella comunità lgbt”

L’associazione chiede ai futuri consiglieri di impegnarsi per l’istituzione dell’Assessorato alle Pari Opportunità e ai Diritti Civili e l’adesione del Comune alla rete RE.A.DY e di sostenere iniziative di promozione e sensibilizzazione (all’interno di scuole, luoghi di lavoro aggregazione ) per il contrasto alle discriminazioni fondate sull’orientamento sessuale e l’idenitità di genere
e di mettere in campo azioni per la tutela della salute pubblica e della salute delle persone lgbtqi.