Napoli e i suoi “mille colori” al Festival del cinema gay e lesbico di Torino

Standard

31tglffPrenderà via mercoledì 4 maggio a Torino la 31a edizione del TGLFF – Torino Gay and Lesbian Film Festival, uno dei più antichi festival glbt in Europa.

In questa edizione la città di Napoli e le atmosfere partenopee sono al centro di tre film diversi tra loro ma accomunanti dal legame con una terra che non è possibile non portarsi dentro.

“La tarantina” (che sarà proiettato venerdì 6 maggio) di Fortunato Calvino è un film documento su uno degli ultimi femminielli dei Quartieri Spagnoli, che ha passato parte della sua vita nei vicoli napoletani, memoria storica di un mondo che va ormai scomparendo.

Di un femminiello, cantastorie di una Napoli annientata dal terremoto del 1980, racconta anche Giuseppe Bucci in “Misteriosofica fine di una discesa agli inferi” (sabato 7 maggio) tratto da “Scannasurice” di Enzo Moscato interpretato a teatro da Imma Villa.

Tra gli altri film in programma anche “Lina Mangiacapre. Artista del femminismo” di Nadia Pizzuti, tributo a una delle figure chiave del movimento femminista in Italia oltre che personaggio eclettico e provocatorio: scomparsa nel 2002 a soli 56 anni è stata pittrice, scrittrice, regista ed editrice, e ha ideato il festival “L’altro sguardo” a Sorrento.

Per info e programma completo: www.tglff.it