Doppio Poete dei giochi e dell’amore al Chiaja Hotel

Standard

poete_pop Doppio appuntamento, quello di giovedì 2 febbraio nel salottino del Chiaja Hotel de Charme, con la rassegna letteraria Poetè .

Ospiti del salotto letterario curato da Claudio Finelli saranno gli scrittori Giovanni Lucchese e Gabriella Maria Scamardella. Interviene Vincenzo Capuano, direttore del Museo del Giocattolo. Letture di Roberta de Pasquale e Gennaro Maresca.

E se i giocattoli potessero parlare? Questo è il presupposto da cui parte “Pop Toys” (Alter Ego): i giocattoli di Lucchese sono pop (Barbie, Britz, Pinocchio, Playmobil e altri) e descrivono, attraverso le proprie vicende, la società che li circonda e nella quale, a volte loro malgrado, sono costretti a vivere.

“Qualcuno si è amato” (Guida editori), invece, è un racconto tratto da una storia vera i cui personaggi e vicende, differiscono in parte da quelle reali: ”versi preziosi quindi in questo nostro tempo di esibizioni indecorose di corpi e parole” aveva scritto Fabrizia Ramondino che sin dalla prima stesura del testo aveva creduto nella narrazione della Scamardella. Continua a leggere

Memoria e Omocausto, una settimana di incontri a San Domenico Maggiore

Standard

memoria_omocasutoIn occasione della Giornata della Memoria (che si celebra a livello internazionale il 27 gennaio di ogni anno ) il Comune di Napoli promuove – insieme all’ANPI–Associazione Nazionale Partigiani d’Italia e in collaborazione con la Comunitа Ebraica, la Comunitа Rom e Sinti, l’Istituto di Storia della Resistenza Campana, l’Universitа Suor Orsola Benincaca e il Museo del Giocattolo, Arcigay Napoli e Arcilesbica Napoli – un una settimana di eventi in commemorazione delle vittime dell’Olocausto.

Il fulcro principale della “Settimana della Memoria” si svolgerà al Complesso Monumentale di San Domenico Maggiore, presso cui si terranno dal 23 al 27 gennaio una serie di incontri e approfondimenti destinati agli studenti dal titolo “Il gioco della memoria. Per non dimenticare” promossi in concomitanza con la mostra “Storie di giocattoli. Dal Settecento a Barbie” dedicata a Ernest Lossa, bimbo vittima dell’eugenetica nazista.

Nel corso della settimana si parlerà anche di Omocausto, ovvero della persecuzione di omosessuali, lesbiche e trans durante il regime nazifascita, con la presenza di referenti di Arcigay Napoli e Arcilesbica Napoli: Daniela Lourdes Falanga (responsabile di Arcigay Napoli per le politiche trans), Maria Rosaria Malapena (responsabile di Arcigay Napoli per i diritti delle persone disabili), Antonella Capone (presidente di Arcilesbica Napoli) e Antonello Sannino (presidente di Arcigay Napoli), oltre a Vincenzo Capuano (storico attivista di Arcigay Napoli e responsabile del Museo del Giocattolo di Napoli). Continua a leggere

“L’amore ai tempi di Grindr” a Poetè

Standard

poete_lamberti Nuovo appuntamento nel salottino del Chiaja Hotel de Charme con la rassegna letteraria Poetè.

Giovedì 19 gennaio ospite del salotto letterario curato da Claudio Finelli sarà lo scrittore e regista Mariano Lamberti autore di “Una coppia perfetta. L’amore ai tempi di Grindr” (goWare). Interverranno lo scrittore e curatore della collana lgbt Luigi Romolo Carrino insieme a Margherita Errico (Presidente Nazionale NPS) e Fabio Caruso (Grindr Addict). Letture a cura di Mariano Gallo.

Protagonisti del romanzo sono Marco e Alex: si contattano su Grindr, l’app per incontri veloci e immediati, e l’intesa è istantanea; vanno a vivere insieme da subito e diventano una coppia. Nonostante la convivenza e le apparenze formali, Marco non cambia le sue abitudini, segue fedelmente i suoi impulsi, le sue smanie sessuali, e tradisce Alex con metodica assiduità. Alex finge di non essere geloso ma cova in realtà un sordo rancore. La loro unione è la consuetudine di un’intimità, embolo di pulsioni aggressive colmo di bisogni rigidamente celati all’interno che schiaccia ogni iniziativa legata all’Eros senza ruoli. Continua a leggere

“Quei ragazzi del ’96” al Grand Hotel Parker’s

Standard

nts_ragazzidel96Da venerdì 13 a domenica 15 gennaio torna al Grand Hotel Parker’s, con un appuntamento speciale, il format Do not disturb – il teatro si fa in albergo ideato da Mario Gelardi e Claudio Finelli e prodotto da Nuovo Teatro Sanità.

Nella suite presidenziale dell’albergo andrà in scena una nuova versione del format dal titolo “Quei ragazzi del 96”, scritto da Claudio Finelli, diretto da Fabio Rossi e Carlo Caracciolo, e interpretato da Riccardo Ciccarelli, Fabiana Fazio, Gennaro Maresca, Alessandro Palladino, Ciro Pellegrino e Fabio Rossi.

È la primavera del 1996 e a Napoli soffia un vento nuovo: a pochi giorni dal primo Gay Pride convocato a Napoli, un gruppo di amici si riunisce per festeggiare il compleanno di uno di loro. Ma la festa si trasforma in un ironico gioco della verità. Tra silenzi, paure e rancori, un affresco intenso e commovente di un’umanità che iniziava a sperimentare l’euforia e la difficoltà di uscire alla luce del sole. Continua a leggere

Visita all’acquedotto romano con Arcigay Napoli

Standard

acquedotto_lgbtDomenica 15 gennaio l’associazione Arcigay Napoli, in collaborazione con l’associazione Vergini/Sanità, organizza un visita guidata straordinaria all’Acquedotto Augusteo del Serino.

La visita al sito archeologico rappresenta un affascinante viaggio nel tempo in una delle infrastrutture romane tra le più imponenti del mondo antico: una grande opera di ingegneria civile romana (che si sviluppa per più di 100 km dalle sorgenti del Serino fino alla Piscina Mirabilis a Miseno) ri-scoperta in un tratto nel Borgo storico dei Vergini. Continua a leggere

La letteratura lgbt a Poetè

Standard

poete_lgbt Primo appuntamento dell’anno nel salottino del Chiaja Hotel de Charme con la rassegna letteraria Poetè, interamente dedicato alla letteratura gay .

Giovedì 12 gennaio, infatti, ospite del salotto letterario curato da Claudio Finelli sarà Gian Pietro Leonardi curatore del volume “L’arte del desiderio. Omosessualità, letteratura, differenza” (Il Mulino). Letture a cura di Carlo Damasco.

Attraverso le testimonianze e le riflessioni di scrittori e critici di diversi paesi, il libro di Leonardi intende offrire un’occasione di confronto sul rapporto tra scrittura e (omo)sessualità: da strumento di legittimazione, di riconoscimento e di circolazione dei saperi per taluni, a forma di propaganda di un’improbabile e semplicistica “ideologia del genere” per altri, la “letteratura omosessuale” ha avuto un grande sviluppo e una diffusione insospettata ed è oggi una presenza riconosciuta all’interno del canone occidentale, del quale aveva talvolta anticipato linguaggi, temi e percorsi. Continua a leggere