La Napoli “travestita” di Pasolini e Patroni Griffi al Grenoble

Standard

gargiulo_naplesLunedì 2 maggio all’Istituto Francese di Napoli, nell’ambito della rassegna I lunedì della mediateca sarà presentato il libro “Naples, ville travestie entre Pasolini et Patroni Griffi” di Gius Gargiulo (Michel Houdiard Editeur).

I femminielli: così vengono chiamati i travestiti che vivono nel centro storico di Napoli e che, in una specie d’ambiguità erotica e socioculturale, rimettendo in discussione le regole di comportamento stabilite dalle norme, ricordano l’origine greca della città.

Ed è proprio questa seducente ambiguità il filo conduttore della storia plurimillenaria di Napoli, città prima orientale ed europea, ed in seguito italiana: una città liminale, tra cielo e terra, tra marginalità e centralità, luogo travestito di virilità matriarcale e di dolcezza efebica mediterranea. Questo libro traccia una riflessione su Napoli e la sua identità antropologica travestita, attraverso gli aspetti contradittori del Decamerone napoletano di Pasolini e le opere di Patroni Griffi, centrati sul personaggio del femminiello-travestito. Continua a leggere

L’evoluzione delle famiglie, un convegno al Palazzo di Giustizia

Standard

NPGSi svolgerà venerdì 29 aprile presso il Nuovo Palazzo di Giustizia il convegno “L’evoluzione delle famiglie nel terzo millennio. Profili giuridici e psicologici”.

L’incontro, promosso dal Consiglio dell’Ordine degli Avvocati di Napoli, sarà introdotto moderato dall’avv. Maria Giovanna Castaldo (associazione “Uguaglianza e libertà”) e vedrà la partecipazione del dott. Stefano Celentano (Giudice della sezione Famiglia del tribunale di Napoli), del dott. Maurizio Barruffo (Presidente vicario del Tribunale dei Minori di Napoli), del prof. Paolo Valerio (Università degli studi di Napoli Federico II) e dell’avv. Salvatore Simioli (vicepresidente nazionale Arcigay).

“Racconteremo – spiega l’avvocato Maria Giovanna Castaldo, promotrice dell’incontro, su napoli.repubblica.it tutto quello che sui libri e sui giornali non si legge. Tutto quello che i telegiornali, ma anche le riviste specializzate non dicono. La domanda è: da dove veniamo? Dove stiamo andando? Le recenti innovazioni normative sono adeguate alle trasformazioni del tessuto sociale?”

Continua a leggere

Napoli e i suoi “mille colori” al Festival del cinema gay e lesbico di Torino

Standard

31tglffPrenderà via mercoledì 4 maggio a Torino la 31a edizione del TGLFF – Torino Gay and Lesbian Film Festival, uno dei più antichi festival glbt in Europa.

In questa edizione la città di Napoli e le atmosfere partenopee sono al centro di tre film diversi tra loro ma accomunanti dal legame con una terra che non è possibile non portarsi dentro.

“La tarantina” (che sarà proiettato venerdì 6 maggio) di Fortunato Calvino è un film documento su uno degli ultimi femminielli dei Quartieri Spagnoli, che ha passato parte della sua vita nei vicoli napoletani, memoria storica di un mondo che va ormai scomparendo.

Di un femminiello, cantastorie di una Napoli annientata dal terremoto del 1980, racconta anche Giuseppe Bucci in “Misteriosofica fine di una discesa agli inferi” (sabato 7 maggio) tratto da “Scannasurice” di Enzo Moscato interpretato a teatro da Imma Villa. Continua a leggere

Il Mediterranean Pride 2016 si terrà a Bagnoli il 28 maggio

Standard

bagnoli_prideIl Mediterranean Pride of Naples 2016 si svolgerà sabato 28 maggio a Bagnoli.

Ad annunciarlo sono il Coordinamento Campania Rainbow e il Comitato del MPoN che hanno deciso coraggiosamente di portare le istanze della comunità lgbt in altri quartieri della città metropolitana di Napoli per favorire l’emancipazione culturale di tutto il territorio.

E così, dopo le due edizioni precedenti del Pride partenopeo e dopo il corteo #Svegliatitalia dello scorso 23 gennaio, che hanno visto sfilare la comunità lgbt napoletana per le strade del centro storico, il corteo dell’orgoglio lgbt si terrà nel quartiere di Bagnoli-Fuorigrotta.

L’hastag che gli organizzatori hanno scelto per questa edizione è #DirittieTerritorio, proprio a sottolineare l’alleanza tra la comunità lgbt e le istanze di un territorio in cerca di riscatto come Bagnoli. Continua a leggere

“Genere e linguaggio” a Poetè

Standard

poete_corbisieroNuovo appuntamento lunedì 18 aprile nel salottino del Chiaja Hotel De Charme con Poetè, la rassegna letteraria curata da Claudio Finelli che questa settimana Fabio Corbisiero e Pietro Maturi, autori di “Genere e linguaggio. I segni dell’uguaglianza e della diversità” (Franco Angeli editore).

Il libro nasce da una riflessione sul modo in cui i generi e gli orientamenti sessuali vengono rappresentati attraverso il linguaggio: le profonde, benché parziali, trasformazioni delle rappresentazioni del genere e dell’orientamento sessuale avvenute negli ultimi decenni si ripercuotono in cambiamenti dell’uso linguistico non sempre adeguati e non ancora stabilizzati, sia sul piano pubblico-istituzionale sia su quello sociale e individuale. Continua a leggere

La poesia catalana a Poetè

Standard

poete_espiuNuovo appuntamento mercoledì 13 aprile nel salottino del Chiaja Hotel De Charme con Poetè, la rassegna letteraria curata da Claudio Finelli che questa settimana presenta l’antologia poetica “Non c’è labirinto più chiaro” (Marchese editore) del poeta catalano Salvador Espriu (1913-1985) insieme a Nuria Puigdeval (docente di letteratura catalana) e Antonio Marchese (editore). Letture a cura di Francesco dall’Aglio.

La raccolta contiene un’ampia selezione dell’opera di Espriu che permette al lettore di compiere un significativo itinerario nell’originale e complesso universo di uno dei maggiori poeti catalani contemporanei, ancora poco conosciuto in Italia. Continua a leggere

Tribunale di Napoli: “l’iter di transizione è individuale”

Standard

tribunale_napoliIl Tribunale di Napoli si è espresso circa la questione del mutamento di sesso con la sentenza n. 3958/16 avente come oggetto sia la domanda di autorizzazione alla rettifica chirurgica del sesso, sia la domanda per il cambio del nome e del sesso all’anagrafe senza previo adeguamento chirurgico.

Nelle motivazioni della sentenza si legge che “l’iter di transizione è individuale, non c’è un percorso giuridico o medico uguale per tutti, ma quello più idoneo a garantire il diritto alla salute e alla personalità secondo i dettami della Costituzione”.

A renderlo noto è l’Avv. Salvatore Simioli, responsabile dello Sportello Legale di Arcigay Napoli.

“Possiamo concludere – spiega l’Avv. Simioli – che la legge sul mutamento di sesso è l’esplicazione al diritto all’identità personale e all’autodeterminazione e che il percorso giuridico deve adeguarsi al percorso soggettivo più utile, senza che ci siano fasi necessarie o dipendenti imposte dal Tribunale”

Continua a leggere

Le “Regine” della De Cicco al Primo

Standard

decicco_regineSarà in scena dall’8 al 10 aprile al Teatro Il Primo lo spettacolo “Regine”, interpretato da Rosaria De Cicco per la regia di Giuseppe Bucci.

L’attrice napoletana porta in scena quattro monologhi (scritti da Arnolfo Petri, Chiara Tortelli, Francesca Gerla e dallo stesso Bucci) preceduti da un prologo e seguiti da un poetico epilogo scritti da Pino Imperatore.

Quelle della de Cicco sono regine di una quotidianità drammatica, simbolica, ironica, surreale. Eroine all’inverso, rappresentative della società contemporanea e delle sue nevrosi e contraddizioni.

Protagoniste sono: una prostituta ora boss di camorra, lontana ormai dalla figura umana e poetica di una Filumena Marturano (Mena); un’adolescente che il mondo dei social o della emancipazione non mette al riparo da depressione (Quanto la vita); un’amante abbandonata al telefono, donna lesbica in una società ancora omofoba (La voce di Laura); una mamma, eroina profuga che non capisce il rifiuto dell’Occidente a prestare aiuto a lei e al suo bambino (Io so nuotare) Continua a leggere

Figlio di due donne, la Corte d’Appello di Napoli ordina la trascrizione dell’adozione

Standard

< hoedts-ladelfaLa Corte d’Appello di Napoli ha ordinato la trascrizione dell’atto di adozione del figlio della partner in favore di una coppia di donne franco-italiana, regolarmente sposate in Francia ed attualmente residenti in provincia di Avellino. Una delle due madri è Giuseppina La Delfa, fondatrice di Famiglie Arcobaleno.

I sindaci di Serino e Santo Stefano del Sole, ignorando la sentenza del Tribunale di Lille, avevano rifiutato la registrazione dell’atto e sono ora stati condannati al pagamento delle spese di lite e dovranno procedere alla trascrizione. I due Amministratori avevano negato la registrazione a causa dell’orientamento sessuale delle due madri. Ma la stessa Corte d’Appello di Napoli, già l’anno scorso, aveva riconosciuto il matrimonio delle due donne celebrato in Francia.

“Questa sentenza – afferma Marilena Grassadonia, presidente di Famiglie Arcobaleno – conferma una volta ancora che la mancanza di una legge a tutela dei figli delle persone omosessuali non esime l’Italia dal riconoscere a questi i diritti fondamentali che spettano loro. Lo stralcio della stepchild adoption dalla legge sulle unioni civili è stato una battuta d’arresto, ma noi continuiamo a chiedere il riconoscimento pieno della nostra genitorialità per la tutela dei diritti dei nostri figli e delle nostre figlie”

Continua a leggere

“Leopardi amava Ranieri” al Nuovo Teatro Sanità

Standard

leopardiamavaranieriVenerdì 8 aprile debutta sul palco del Nuovo Teatro Sanità lo spettacolo “Leopardi amava Ranieri” scritto da Claudio Finelli e Antonio Mocciola, con la regia di Mario Gelardi.

Due uomini e una storia: il poeta marchigiano malaticcio e il bellimbusto partenopeo rampante. Una storia che, però, non ha fatto epoca, perché l’epoca era quella sbagliata.

Il 13 giugno 1837, onomastico di Antonio Ranieri, fu l’ultima notte di Giacomo Leopardi che, infatti, morì l’indomani mattina: dalle sue lettere s’intuisce che il sentimento provato da Giacomo per Antonio andava ben oltre il legame amicale; si trattava di una vera e propria passione per l’uomo con cui trascorse gli ultimi sette anni della sua vita. Una passione repressa e inconfessabile per quei tempi.

Lo spettacolo si propone di portare in scena gli ultimi momenti della tormentata esistenza, tra sofferenze e dolori, del poeta marchigiano. Attraverso la storia dell’amicizia con Ranieri viene messo a nudo l’animo più sensibile di Giacomo Leopardi, un uomo vivace, esuberante, curioso di porgere lo sguardo oltre il “natio borgo selvaggio”. Continua a leggere