Trans aggredita ad Agnano, Sannino (Arcigay): “urge una legge contro omo-transfobia”

Standard

transfobiaSi è verificata la scorsa notte ad Agnano l’ennesima aggressione ai danni di una persona trans: la vittima, appena 22enne, è stata avvicinata in zona Astroni da quattro ragazzi che prima l’hanno aggredita verbalmente e poi accoltellata al braccio.

Assistita e medicata all’ospedale San Paolo di Fuorigrotta, la vittima è stata poi dichiarata fuori pericolo.

L’aggressione avviene a pochi giorni dalla Giornata Internazionale contro l’Omotransfobia (che si è celebrata lo scorso 17 maggio) e a poche settimane di distanza dall’uccisione di una transessuale, sempre a Fuorigrotta.

I due fatti, inoltre, sono avvenuti proprio nella zona che sabato 28 maggio vedrà sfilare il corteo del Mediterranean Pride of Naples 2016 (che partirà da piazzale Tecchio per arrivare a Bagnoli). Continua a leggere

Comunali a Salerno, Adinolfi: “non celebrerò Unioni civili”

Standard

adinolfieadinolfiRaffaele Adinolfi, candidato alla carica di Sindaco al Comune di Salerno (sostenuto dal movimento Popolo della famiglia) [nella foto, a destra] ha dichiarato che, se fosse eletto, non celebrerà le Unioni civili (il cui testo di Legge è stato approvato alla Camera tre giorni fa), affermando anche che farà approvare un regolamento “per garantire ai funzionari il diritto di esercitare l’obiezione di coscienza”.

“Celebrare i matrimoni e le unioni civili è un compito specifico del sindaco – afferma Ottavia Voza, presidente di Arcigay Salernoed è veramente grave che una persona che si candida a svolgere questo ruolo non lo sappia. Questa dichiarazione dimostra solo che Adinolfi non è all’altezza del compito di fare il sindaco, perché ha intenzione di violare la legge, ma soprattutto perché ha la dichiarata intenzione di non rispettare i diritti, acquisiti a norma di legge, di alcuni dei suoi cittadini”

Continua a leggere

Figlio di due donne, la Corte d’Appello di Napoli ordina la trascrizione dell’adozione

Standard

< hoedts-ladelfaLa Corte d’Appello di Napoli ha ordinato la trascrizione dell’atto di adozione del figlio della partner in favore di una coppia di donne franco-italiana, regolarmente sposate in Francia ed attualmente residenti in provincia di Avellino. Una delle due madri è Giuseppina La Delfa, fondatrice di Famiglie Arcobaleno.

I sindaci di Serino e Santo Stefano del Sole, ignorando la sentenza del Tribunale di Lille, avevano rifiutato la registrazione dell’atto e sono ora stati condannati al pagamento delle spese di lite e dovranno procedere alla trascrizione. I due Amministratori avevano negato la registrazione a causa dell’orientamento sessuale delle due madri. Ma la stessa Corte d’Appello di Napoli, già l’anno scorso, aveva riconosciuto il matrimonio delle due donne celebrato in Francia.

“Questa sentenza – afferma Marilena Grassadonia, presidente di Famiglie Arcobaleno – conferma una volta ancora che la mancanza di una legge a tutela dei figli delle persone omosessuali non esime l’Italia dal riconoscere a questi i diritti fondamentali che spettano loro. Lo stralcio della stepchild adoption dalla legge sulle unioni civili è stato una battuta d’arresto, ma noi continuiamo a chiedere il riconoscimento pieno della nostra genitorialità per la tutela dei diritti dei nostri figli e delle nostre figlie”

Continua a leggere

Trans uccisa a Fuorigrotta. ATN: “siamo offese, ferite e arrabbiate”

Standard

transfobiaE’ stato ritrovato ieri mattina a Fuorigrotta, all’interno di una macchina il corpo senza vita di una trans con una ferita alla gola, aveva 64 anni ed era conosciuta all’interno della comunità come Piccola Katty. Secondo le prime indiscrezioni, è stato fermato un ragazzo e non si esclude nessuna pista tra cui quella di una rapina o di una lite.

“Abbiamo speso tante parole, abbiamo manifestato e urlato ma tutto sembra uguale a prima – è il grido di dolore di Loredana Rossi di ATN – Associazione Trans Napolicontinuano a uccidere transessuali nell’indifferenza di un paese che con il suo silenzio si fa complice. La conoscevamo bene Piccola Katty, l’ennesima vittima accoltellata ieri a Napoli per questo siamo ferite, offese, arrabbiate, per questo e per tutta la violenza che siamo costrette a subire tutti i giorni diciamo basta!”

L’associazione ATN annuncia, infatti, un sit-in di protesta per martedì 15 marzo alle 11.00 sotto Palazzo San Giacomo per fermare “questa orribile e inaccettabile mattanza”. Continua a leggere

San Valentino a Pietrarsa: biglietto unico anche per le coppie gay

Standard

pietrarsaDomenica 14 febbraio, in occasione della festa di San Valentino, il Museo nazionale ferroviario di Pietrarsa, nell’ambito dell’iniziativa “Innamórati di Napoli con gli Innamoràti di Napoli” (promossa dall’Assessorato alla Cultura e al Turismo del comune di Napoli), permetterà tutte le coppie, sia eterosessuali che omosessuali, di usufruire di una speciale promozione 2×1 sull’acquisto del biglietto d’ingresso.

Per l’occasione il polo museale, gestito dalla Fondazione FS Italiane, sarà aperto dalle ore 9.00 alle ore 21.00 e i visitatori saranno accompagnati da un illustre cicerone. Continua a leggere

Il Napoli scende in campo contro l’omofobia

Standard

lacci_rainbowDopo lo spiacevole episodio al termine della partita di Coppa Italia Inter-Napoli e dopo le scuse, accettate da Mancini e dall’Inter, il Napoli Calcio e il suo allenatore Maurizio Sarri hanno deciso di scendere in campo contro l’omofobia.

Giovedì 28 gennaio a Castelvolurno (Na) il tecnico del Napoli, infatti, incontrerà una delegazione di Arcigay Napoli nel corso del quale gli saranno consegnati i lacci rainbow contro l’omofobia.

Al termine dell’incontro, alle ore 15.00, si svolgerà la partita tra il Napoli Calcio e la squadra del San Vito Positano (di cui è presidente Alessandro Cecchi Paone) che sarà trasmessa in diretta su Mediaset Premium (sui canali 370 e 380 del Digitale Terrestre). Continua a leggere

Omofobia a bordo campo. Arcigay Napoli: “basta omertà”

Standard

sarri_omofoboLa partita di quarti di finale di Coppa Italia di ieri sera si è conclusa con la sconfitta del Napoli e la vittoria dell’Inter ma soprattutto con l’espulsione di entrambe gli allenatori a causa di uno spiacevole episodio di omofobia.

A raccontare l’accaduto, alla Gazzetta dello Sport, è Roberto Mancini, tecnico dell’inter, che accusa di atteggiamento razzista il collega del Napoli Roberto Sarri [nella foto].

“Avevo chiesto solo al quarto uomo il perché dei cinque minuti di recupero e lui ha iniziato a inveire contro di me, dandomi del ‘frocio’ e ‘finocchio’. Ha 60 anni e si deve vergognare”

Molti, tra cui lo stesso Sarri (che si è poi scusato con Mancini), avrebbero voluto che l’episodio “restasse in campo”. Tra quelli che invece apprezzano l’atteggiamento non omertoso di Mancini c’è Antonello Sannino, presidente di Arcigay Napoli che in passato è stato responsabile nazionale sport per Arcigay Continua a leggere

Unioni Civili. Possenti sul Mattino parla di “simil-matrimonio”

Standard

possenti_mattinoSul quotidiano Il Mattino di venerdì 8 gennaio è apparso un editoriale del filosofo Vittorio Possenti [nella foto] dal titolo “Il simil-matrimonio pagato dai figli” e con sottotitolo “Le unioni civili e la discriminazione dei veri deboli” in cui si avvertono i lettori di “tenere gli occhi aperti dinanzi al gioco che viene praticato da molti anni, con una protervia sorprendente: intendo il richiamo ossessivo al criterio di non discriminazione che cela un inganno”.

Affermazioni gravissime, secondo Arcigay Napoli, dal punto di vista sia umano che civile, a fronte sopratutto delle continue violenze perpetrate ai danni delle persone lgbt. Continua a leggere

Acerra, il Sindaco si giustifica: “niente di sessuale”…

Standard

lettieri_acerra“A novembre 2014 qualcuno ha voluto strumentalizzare la bandiera della pace che sventolava sul Castello Baronale di Acerra, accusandoci di averla confusa con la bandiera dell’orgoglio gay. Oggi si fa il contrario accusandoci di omofobia per delle parole dette non in pubblica assise”

Così risponde il sindaco di Acerra, Raffaele Lettieri [nella foto] alle accuse di “omofobia con la fascia tricolore” lanciate dal Meetup 5 stelle di Acerra e alle richieste di chiarimenti di Arcigay Napoli.

Nessuna discriminazione, quindi, né “alcunché di sessuale” nel definire “femminielli” i suoi contestatori ma solo un’accusa di “travestitismo” politico… Continua a leggere

Acerra, per il Sindaco i suoi detrattori sono “femminielli”…

Standard

lettieri_acerra“Le dichiarazioni del Sindaco di Acerra, se confermate, sono gravissime, ancora più gravi perché fatte da un uomo delle istituzioni durante le sue funzioni”

E’ quanto dichiara Antonello Sannino, presidente di Arcigay Napoli in riferimento alle esternazioni di Raffaele Lettieri, sindaco di Acerra [nella foto], che nel corso dell’assise di fine anno ha definitivo coloro che lo contestavano sui social network, dei “femminielli”.

A renderlo noto sono i componenti del Meetup 5 Stelle di Acerra che da mesi chiedono le dimissioni del Sindaco per la sua gestione dittatoriale dell’Amministrazione Comunale, e che etichettano queste dichiarazioni come vera e propria “omofobia con la fascia tricolore”. Continua a leggere