“La Tarantina” in anteprima al PAN

Standard

tarantina_panSarà presentato mercoledì 7 settembre, in anteprima per Napoli, al PAN – Palazzo delle Arti Napoli il film-documento “La Tarantina (Genere: femm(e)nèll)” di Fortunato Calvino.

Si tratta della seconda parte del documentario in cui il drammaturgo napoletano racconta la vita dell’ultimo femminiello dei Quartieri Spagnoli di Napoli. Il film, presentato alla XXXI edizione del TGLFF – Torino Gay&Lesbian Film Festival 2016 nella Selezione Ufficiale, parteciperà alla prossima edizione del MiFo LGBT Film Festivals di Miami e al QFF Mezipatra di Praga.

Il film è un documento su un personaggio vitale nonostante gli ottant’anni ormai raggiunti, memoria storica di un mondo che va ormai scomparendo. I ricordi della Tarantina (vero nome Carmelo Cosma), femminiello che ha passato gran parte della sua vita tra i vicoli e i bassi napoletano, sono spesso duri e dolorosi ma venati di malinconia: l’arrivo nella Napoli del secondo dopoguerra, l’avvio alla prostituzione, la persecuzione della polizia, la partenza per Roma, dove ha conosciuto Pier Paolo Pasolini, Federico Fellini e Laura Betti. Continua a leggere

Omofobia a Napoli, schiaffeggiato a piazza Bellini

Standard

napoli_belliniE’ avvenuta l’altra notte l’ennessima aggressione di stampo omofobico nei pressi di piazza Bellini a Napoli. La vittima, Domingo, è un uomo di 50 anni che attendeva il primo autobus disponibile per tornare a casa quando tre uomini, scesi da un auto in sosta nei pressi della fermata, lo hanno schiaffeggiato con violenza.

Arcigay Napoli, che insieme ad ATN- Associazione Trans Napoli, ha reso pubblicala vicenda, chiede a Regione e Comuni, di poter intervenire con tutti i mezzi a loro disposizione (compresa la possibilità di una legge regionale contro l’omotransfobia nell’attesa di una legge nazionale) e alle Forze dell’ordine di alzare il livello di sorveglianza in alcuni luoghi particolari come piazza Bellini, piazza Monteoliveto, la sede storica di Arcigay/Arcilesbica e fuori ai locali e ai luoghi di aggregazione della movida lgb.

“Per fortuna oggi si denuncia molto di più – dichiara Antonello Sannino, presidente di Arcigay Napoli – anche se per diversi motivi molti ragazzi hanno ancora timore e non riescono a denunciare. In questo caso grazie alla collaborazione con l’ATN la vicenda viene pubblicamente resa nota e aiuteremo Domingo a esporre denuncia. Ma ancora una volta arriviamo in ritardo, a cose accadute, e non riusciamo a prevenire la violenza”.

Continua a leggere

Trovato un bossolo fuori la sede di Arcigay Napoli. Sannino: “non ci lasceremo intimorire”

Standard

bossolo_arcigayLo scorso 22 agosto, alla riapertura della sede di Arcigay Napoli, è stato ritrovato il bossolo di un proiettile esploso appoggiato sul chiavistello della porta [nella foto].

Non si tratta di un caso isolato, numerosi sono gli episodi negli ultimi mesi tutti regolarmente denunciati alle forze dell’ordine: carcasse di animali e cassonetti della spazzatura lasciati davanti agli ingressi, porte ritrovate aperte senza furti o apparenti forzature e un gruppo di ragazzi su ciclomotori che lo scorso luglio ha costretto all’interno alcuni associati con la minaccia di armi da fuoco.

“L’ultimo episodio – afferma Antonello Sannino, presidente dell’associazione – è inquietante perché viene dopo molti altri episodi di vandalismo che sono avvenuti negli ultimi mesi ai danni della sede storica e prontamente segnalati alle forze dell’ordine e alle istituzioni locali”

Mentre il Comune di Napoli e le Forze dell’Ordine stanno facendo il possibile per fare chiarezza sull’inquietante vicenda, ai membri e a tutti gli associati di Arcigay Napoli è giunta la solidarietà di tante associazioni locali e nazionali, lgbt e non, parlamentari, politici locali e comuni cittadini. Continua a leggere

Unioni civili, prime coppie a Napoli e Avellino

Standard

unionicivili_napoliIeri mattina presso la Sala Giunta di Palazzo San Giacomo di Napoli alla presenza di Daniela Villani, Assessora alla Qualità della vita e Pari Opportunità, è stata ricevuta la prima coppia che ha dichiarato intenzione di voler costituire una Unione civile dello stesso sesso.

Si tratta di Antonello Sannino, presidente di Arcigay Napoli, e del suo compagno Danilo. L’Unione civile sarà celebrata entro fine settembre nella Sala della Loggia del Maschio Angioino.

“Questa firma – ha dichiarato Sannino – è il simbolo dell’abbattimento di un muro di ipocrisia durato millenni in Europa, nel nostro Paese e nella nostra città. Il prossimo muro da abbattere sono il riconoscimento dei diritti dei bambini che sono all’interno di coppie omosessuali e le adozioni”

Continua a leggere

Unioni civili, da metà agosto anche a Napoli. A San Giorgio tutto pronto per le celebrazioni

Standard

comune-napoliA partire da metà agosto la Municipalità I (Chiaia) inizierà a raccogliere le richieste di tutte le coppie omosessuali che vogliono unirsi civilmente e da settembre sarà possibile farlo in tutte le dieci Municipalità. Le unioni potranno essere celebrate presso la Sala della Loggia del Maschio Angioino o presso la sede della Municipalità.

Ad annunciarlo è Daniela Villani, Assessore alle Pari Opportunità del Comune di Napoli, in risposta ad una polemica nata sui social su un presunto ritardo da parte del Comune

“La legge Cirinnà – chiarisce l’assessore – era attesa fin dal 2015, il parlamento ha legiferato un testo pesantemente censurato e ridimensionato e il regolamento provvisorio è entrato il vigore solo il 29 di luglio. Le poche unioni civili celebrate ad oggi in Italia sono casi unici, Napoli si sta trutturando per riconoscere tale diritto fondamentale a chiunque lo desideri”

Continua a leggere

Offesa dagli infermieri al Don Bosco, trans rifiuta ricovero. Ora è grave

Standard

Giovedì 4 agosto alle ore 11.30 fuori l’ospedale San Giovanni Bosco si terrà un presidio di solidarietà a Nunzia Lo Preato organizzato da ATN-Associazione Transessuale Napoli e Arcigay Napoli

transfobiaEnnesimo caso di malasanità che vede coinvolta una persona trans: si è verificato negli scorsi giorni al San Giovanni Bosco dove Nunzia Lo Preato è stata ricoverata per un micro-infarto, decidendo poche ore dopo di rinunciare alle cure e di firmare per la dimissione pur di non essere offesa e derisa dagli operatori sanitari e dagli altri degenti. Nel pomeriggio la sua situazione si è aggravata e, prelevata dal 188, Nunzia è ora ricoverata all’Ospedale Loreto Mare.

Secondo la ricostruzione di ATN-Associazione Transessuale Napoli, di cui Nunzia è socia, nonostante i documenti d’identità confacenti la sua identità di genere, gli operatori sanitari incaricati del ricovero l’hanno continuamente derisa rivolgendosi a lei al maschile e discutendo su quale reparto fosse il più adatto.

Daniela Villani, assessore alle Pari Opportunità del Comune di Napoli si è scusata con Nunzia a nome di tutta la città mentre Il consigliere regionale Francesco Emilio Borrelli (Verdi) ha chiesto ai responsabili dell’Ospedale e al direttore dell’ Asl di avviare una inchiesta interna. Continua a leggere

Il Kju Festival si chiude con “Leopardi amava Ranieri”

Standard

kju_leopardi L’edizione zero del Kju Festival, il queer festival campano, si chiude con una replica straordinaria di “Leopardi amava Ranieri”, lo spettacolo scritto da Claudio Finelli e Antonio Mocciola, con la regia di Mario Gelardi, che sarà in scena domenica 26 giugno al Nuovo Teatro Sanità.

Due uomini e una storia: il poeta marchigiano malaticcio e il bellimbusto partenopeo rampante. Una storia che, però, non ha fatto epoca, perché l’epoca era quella sbagliata.

Il 13 giugno 1837, onomastico di Antonio Ranieri, fu l’ultima notte di Giacomo Leopardi che, infatti, morì l’indomani mattina: dalle sue lettere s’intuisce che il sentimento provato da Giacomo per Antonio andava ben oltre il legame amicale; si trattava di una vera e propria passione per l’uomo con cui trascorse gli ultimi sette anni della sua vita. Una passione repressa e inconfessabile per quei tempi.

Lo spettacolo si propone di portare in scena gli ultimi momenti della tormentata esistenza, tra sofferenze e dolori, del poeta marchigiano. Attraverso la storia dell’amicizia con Ranieri viene messo a nudo l’animo più sensibile di Giacomo Leopardi, un uomo vivace, esuberante, curioso di porgere lo sguardo oltre il “natio borgo selvaggio”. Continua a leggere

Kju Festival, “redFrida” al Nuovo Sanità

Standard

redfrida_kjuRiprendono al Nuovo teatro Sanità gli spettacoli teatrali del Kju Festival, il numero zero del queer festival campano. Venerdì 24 giugno andrà in scena “RedFrida”, un progetto artistico ideato e diretto da Ciro Pellegrino.

Video arte, danza e recitazione teatrale interagiscono per raccontare la vita e l’arte di Frida Kahlo, scandita in nove quadri (ossia i momenti più emblematici della sua esistenza): le sue opere sublimano il dolore fisico che l’accompagnò sempre, attraverso un linguaggio del tutto personale che fonde elementi surreali e naïf in un realismo violento e visionario al tempo stesso. Continua a leggere

Rivoluzione Cirinnà al Nuovo Sanità

Standard

Il Kju Festival, l’edizione zero del Campania Queer Festival, continua fino a domenica 26 giugno con incontri e dibattiti..

cirinnaGiovedì 23 giugno, presso il Nuovo Teatro Sanità, nell’ambito del Kju Festival, si terrà l’incontro dal titolo “Rivoluzione Cirinnà” a cui prenderà parte la senatrice Monica Cirinnà, promotrice del testo di legge sulle Unioni civili entrato in vigore lo scorso 5 giugno.

Nel corso dell’incontro si discuterà di cosa cambia dopo l’approvazione della legge sulle Unioni civili. Interverranno il prof. Massimo Villone (Costituzionalista, Università Federico II di Napoli) e Antonello Sannino (presidente di Arcigay Napoli). Coordina Claudio Finelli. Continua a leggere

Al Caserta Campania Pride in autobus da Napoli e Salerno

Standard

Il Caserta Campania Pride si terrà sabato 25 giugno: concentramento alle ore 15.00 in piazza Vanvitelli, partenza del corteo alle ore 16.00. Dal 21 al 26 giugno si terrà inoltre il Pride Park presso il Ristorante Il Cortile e il Csa Ex Canapificio di Caserta

casertacampaniapride

In vista del Caserta Campania Pride di sabato 25 giugno, le associazioni Arcigay Napoli e Arcigay Salerno organizzano autobus che da Napoli e Salerno si dirigeranno verso Caserta in piazza Vanvitelli da cui partirà il corteo.

Da Napoli partiranno autobus dal Varco Pisacane (via Marina incrocio con via Duomo) alle ore 13.00 di sabato che rientrano in serata (7 euro a/r) oppure dopo il Pride Party (8 euro a/r). Per info e dettagli: 081 552 88 15 oppure presso la sede di Arcigay Napoli in vico san Geronimo 17 (dal lunedi al venerdi dalle 10.00 alle 20.00)

Da Salerno partiranno autobus dal Parco Pinocchio (via Antonio Gramsci) che faranno tappa a Baronissi (ore 12.30, parcheggio antistante all’Hotel dei Principati in via Salvatore Allende 88). Per info e dettagli: 331 165 9967 (Gianluca), 347 238 7451 (Rocco), 320 932 7187 (Flavia).