Baci a San Valentino con Arcigay Napoli e Ivan Cotroneo

Standard

unbacio_cotroneoCome ogni anno, in concomitanza con la festa di San Valentino, l’associazione Arcigay Napoli ha programmato una serie di eventi per celebrare l’amore tra persone dello stesso sesso. Un’occasione quest’anno particolarmente significativa: si tratta, infatti, della prima festa degli innamorati dopo l’approvazione della legge Cirinnà che regolamenta le Unioni civili.

Martedì 14 febbraio presso laFeltrinelli Libri e Musica si terrà un incontro con Ivan Cotroneo in occasione dell’uscita in home video del suo film “Un bacio”; a parlarne con lo scrittore e regista ci sarà Claudio Finelli, responsabile cultura nazionale di Arcigay. A seguire in piazza dei Martiri si terrà, invece, il flash mob organizzato dal gruppo I’m gay anyproblem? in collaborazione con il Gruppo Giovani di Arcigay Napoli: i partecipanti si scambieranno un lungo bacio collettivo contro l’odio e contro l’omofobia e la transfobia. Continua a leggere

Omofobia a Napoli, aggressione a Fuorigrotta

Standard

omofobia_fuorigrottaArcigay Napoli segnala l’ennesimo caso di omofobia a Napoli: è accaduto domenica mattina in un bar di piazzale Tecchio a Fuorigrotta, spesso ritrovo della comunità lgbt napoletana al termine delle serate in discoteca del sabato; la vittima è Konstantin, un ragazzo di origini russe, che si apprestava a fare colazione con un amico.

A scatenare la violenza omofoba un diverbio con la commessa del bar che è sfociato prima in un’aggressione verbale della stessa barista e poi in violenza fisica da parte di due avventori del locale che hanno colpito Konstantin nell’indifferenza dei titolari. Al Pronto Soccorso i medici hanno riscontrato contusioni, eritemi e un trauma psichico.

L’associazione chiede un’intervento della Regione affinché, in attesa di una legge nazionale, velocizzi il percorso verso una legge regionale contro l’omo-transfobia Continua a leggere

Con Fabio Brescia prende il via l’ottava edizione di Poetè

Standard

poete_bresciaSi inaugura giovedì 20 ottobre nel salottino del Chiaja Hotel de Charme l’ottava edizione di Poetè, il salotto letterario curato da Claudio Finelli che quest’anno si presenta con un nuovo claim: Perché qui la cultura è di casa, che insiste sulla centralità della cultura e sulla condivisione di essa come mezzo per scardinare pregiudizi, stereotipi e luoghi comuni.

L’idea di Poetè è quella di presentare libri e autori che raccontano storie che altrimenti resterebbero nell’ombra: storie che sono dimenticate e tenute ai margini, che sembra riguardino solo alcuni mentre invece devono diventare patrimonio di tutti, nell’ottica dell’inclusione e della condivisione.

A dare il via a questa nuova edizione sarà sarà l’attore, scrittore e conduttore radiofonico Fabio Brescia che presenta in anteprima il suo ultimo libro: “La ragazza di Terezin” (Homo Scrivens). Continua a leggere

“Misteriosofica fine” al Napoli Film Festival

Standard

nff18Dopo essere stato presentato all’ultimo TGLFF – Torino Gay and Lesbian Film Festival, uno dei più antichi festival glbt in Europa, e al Mix glbt di Milano il cortometraggio “Misteriosofica fine di una discesa agli inferi” diretto da Giuseppe Bucci sarà in concorso al Napoli Film Festival.

Interpretato da Imma Villa e tratto da “Scannasurice” di Enzo Moscato nella messa in scena di Carlo Cerciello, il cortometraggio racconta di un femminiello, cantastorie di una Napoli annientata dal terremoto del 1980, che tra le viscere dei quartieri malfamati in cui vive si confronta con se stesso, transessuale senza amore e dignità. Continua a leggere

Apre lo sportello di ATN e Dedalus per persone trans

Standard

atn_logoL’ATN-Associazione Transessuale Napoli annuncia l’apertura del suo sportello insieme alla Cooperativa Dedalus. Allo sportello, che si rivolge principalmente a persone transessuali e transgender, sarà possibile consultare un legale e una psicologa.

Il nuovo servizio fornirà informazioni sulla transizione medico-legale, accompagnamenti sanitari, orientamento ai servizi territoriali, mediazione culturale, consulenza legale in materia di riattribuzione del sesso e del nome, discriminazioni legate all’identità di genere, diritto di famiglia, redazione di contratti di convivenza (anche con patrocinio a spese dello Stato), consulenza psicologica e couseling per genitori, partner e amici di persone transessuali.

Lo sportello proporrà inoltre iniziative culturali e sociali di sensibilizzazione sulla tematica trans e uno spazio di socializzazione.

Lo sportello si trova al II° piano di via Marchese Giuseppe Calmieri 43 a Napoli e sarà aperto il lunedì, mercoledì e venerdì dalle ore 14 alle 17. Per fissare un appuntamento è possibile chiamare al numero 333 7740209 oppure allo 081 0122973 (negli orari di attività dello sportello).

“La Tarantina” in anteprima al PAN

Standard

tarantina_panSarà presentato mercoledì 7 settembre, in anteprima per Napoli, al PAN – Palazzo delle Arti Napoli il film-documento “La Tarantina (Genere: femm(e)nèll)” di Fortunato Calvino.

Si tratta della seconda parte del documentario in cui il drammaturgo napoletano racconta la vita dell’ultimo femminiello dei Quartieri Spagnoli di Napoli. Il film, presentato alla XXXI edizione del TGLFF – Torino Gay&Lesbian Film Festival 2016 nella Selezione Ufficiale, parteciperà alla prossima edizione del MiFo LGBT Film Festivals di Miami e al QFF Mezipatra di Praga.

Il film è un documento su un personaggio vitale nonostante gli ottant’anni ormai raggiunti, memoria storica di un mondo che va ormai scomparendo. I ricordi della Tarantina (vero nome Carmelo Cosma), femminiello che ha passato gran parte della sua vita tra i vicoli e i bassi napoletano, sono spesso duri e dolorosi ma venati di malinconia: l’arrivo nella Napoli del secondo dopoguerra, l’avvio alla prostituzione, la persecuzione della polizia, la partenza per Roma, dove ha conosciuto Pier Paolo Pasolini, Federico Fellini e Laura Betti. Continua a leggere

Omofobia a Napoli, schiaffeggiato a piazza Bellini

Standard

napoli_belliniE’ avvenuta l’altra notte l’ennessima aggressione di stampo omofobico nei pressi di piazza Bellini a Napoli. La vittima, Domingo, è un uomo di 50 anni che attendeva il primo autobus disponibile per tornare a casa quando tre uomini, scesi da un auto in sosta nei pressi della fermata, lo hanno schiaffeggiato con violenza.

Arcigay Napoli, che insieme ad ATN- Associazione Trans Napoli, ha reso pubblicala vicenda, chiede a Regione e Comuni, di poter intervenire con tutti i mezzi a loro disposizione (compresa la possibilità di una legge regionale contro l’omotransfobia nell’attesa di una legge nazionale) e alle Forze dell’ordine di alzare il livello di sorveglianza in alcuni luoghi particolari come piazza Bellini, piazza Monteoliveto, la sede storica di Arcigay/Arcilesbica e fuori ai locali e ai luoghi di aggregazione della movida lgb.

“Per fortuna oggi si denuncia molto di più – dichiara Antonello Sannino, presidente di Arcigay Napoli – anche se per diversi motivi molti ragazzi hanno ancora timore e non riescono a denunciare. In questo caso grazie alla collaborazione con l’ATN la vicenda viene pubblicamente resa nota e aiuteremo Domingo a esporre denuncia. Ma ancora una volta arriviamo in ritardo, a cose accadute, e non riusciamo a prevenire la violenza”.

Continua a leggere

Trovato un bossolo fuori la sede di Arcigay Napoli. Sannino: “non ci lasceremo intimorire”

Standard

bossolo_arcigayLo scorso 22 agosto, alla riapertura della sede di Arcigay Napoli, è stato ritrovato il bossolo di un proiettile esploso appoggiato sul chiavistello della porta [nella foto].

Non si tratta di un caso isolato, numerosi sono gli episodi negli ultimi mesi tutti regolarmente denunciati alle forze dell’ordine: carcasse di animali e cassonetti della spazzatura lasciati davanti agli ingressi, porte ritrovate aperte senza furti o apparenti forzature e un gruppo di ragazzi su ciclomotori che lo scorso luglio ha costretto all’interno alcuni associati con la minaccia di armi da fuoco.

“L’ultimo episodio – afferma Antonello Sannino, presidente dell’associazione – è inquietante perché viene dopo molti altri episodi di vandalismo che sono avvenuti negli ultimi mesi ai danni della sede storica e prontamente segnalati alle forze dell’ordine e alle istituzioni locali”

Mentre il Comune di Napoli e le Forze dell’Ordine stanno facendo il possibile per fare chiarezza sull’inquietante vicenda, ai membri e a tutti gli associati di Arcigay Napoli è giunta la solidarietà di tante associazioni locali e nazionali, lgbt e non, parlamentari, politici locali e comuni cittadini. Continua a leggere

Unioni civili, prime coppie a Napoli e Avellino

Standard

unionicivili_napoliIeri mattina presso la Sala Giunta di Palazzo San Giacomo di Napoli alla presenza di Daniela Villani, Assessora alla Qualità della vita e Pari Opportunità, è stata ricevuta la prima coppia che ha dichiarato intenzione di voler costituire una Unione civile dello stesso sesso.

Si tratta di Antonello Sannino, presidente di Arcigay Napoli, e del suo compagno Danilo. L’Unione civile sarà celebrata entro fine settembre nella Sala della Loggia del Maschio Angioino.

“Questa firma – ha dichiarato Sannino – è il simbolo dell’abbattimento di un muro di ipocrisia durato millenni in Europa, nel nostro Paese e nella nostra città. Il prossimo muro da abbattere sono il riconoscimento dei diritti dei bambini che sono all’interno di coppie omosessuali e le adozioni”

Continua a leggere

Unioni civili, da metà agosto anche a Napoli. A San Giorgio tutto pronto per le celebrazioni

Standard

comune-napoliA partire da metà agosto la Municipalità I (Chiaia) inizierà a raccogliere le richieste di tutte le coppie omosessuali che vogliono unirsi civilmente e da settembre sarà possibile farlo in tutte le dieci Municipalità. Le unioni potranno essere celebrate presso la Sala della Loggia del Maschio Angioino o presso la sede della Municipalità.

Ad annunciarlo è Daniela Villani, Assessore alle Pari Opportunità del Comune di Napoli, in risposta ad una polemica nata sui social su un presunto ritardo da parte del Comune

“La legge Cirinnà – chiarisce l’assessore – era attesa fin dal 2015, il parlamento ha legiferato un testo pesantemente censurato e ridimensionato e il regolamento provvisorio è entrato il vigore solo il 29 di luglio. Le poche unioni civili celebrate ad oggi in Italia sono casi unici, Napoli si sta trutturando per riconoscere tale diritto fondamentale a chiunque lo desideri”

Continua a leggere