A Roma la prima nazionale de “La Tarantina”

Standard

2018-10-03-Foto-Tarantina-2018-(3)Sarà in scena in prima nazionale, dal 27 Marzo all’OFF/OFF Theatre di Roma lo spettacolo “La Tarantina” del drammaturgo e regista napoletano Fortunato Calvino che racconta la vita dell’ultimo femminéllo dei quartieri spagnoli. In scena gli attori Luigi Credendino, Roberto Maiello e Antonio Clemente.

La Tarantina (al secolo Carmelo Cosa) di origini pugliesi arriva a Napoli subito dopo la guerra ancora minorenne. Nella piéce-testimonianza si racconta il suo avvio alla prostituzione, le persecuzioni della polizia e la partenza per Roma, dove visse la sua personale e trasgressiva dolcevita, conoscendo nomi come Pier Paolo Pasolini, Federico Fellini, Laura Betti, Goffredo Parise e Novella Parigini, la pittrice famosa per le sue donne con gli occhi di gatto, che la ebbe più volte come modella. Continua a leggere

Concerto per Sandro Penna al Nuovo Sanità

Standard

concertoperpennaPino Strabioli torna al Nuovo Teatro Sanità con un omaggio in note e parole a un grande poeta del Novecento. “Concerto per Sandro Penna”, scritto da Elio Pecora e dallo stesso Strabioli che ne è anche interprete, sarà in scena sabato 3 e domenica 4 febbraio.

Strabioli ci racconta Sandro Penna – «il solo poeta italiano che abbia parlato a gola spiegata dicendo chiaramente chi era e che cosa voleva», come disse di lui Cesare Garboli – ripercorrendo con ironia sottile, leggerezza e disincanto, sfrontatezza e garbo, la sua vita, in una serata che è anche un omaggio al grande Paolo Poli, scomparso quasi due anni fa.

«Lui provava a raccontare della sua sessualità in modo felice – spiega Strabioli – anche se erano anni, quelli in cui lui ha vissuto, estremamente difficili per gli omosessuali perché c’era un’incredibile omofobia. Lui, però con quel candore che gli è proprio, ce li ha descritti facendoli apparire come anni felici»

In scena insieme a Strabioli gli attori Alberto Melone e Stefano La Cava con l’accompagnamento musicale di Marcello Fiorini.
Orario spettacoli: ore 21.00 (sabato), ore 18.00 (domenica). Costo del biglietto: 12 euro

Il Nuovo Teatro Sanità si trova in piazzetta San Vincenzo 1 (Rione Sanità) a Napoli. Per info e prenotazioni al 3396666426 oppure all’indirizzo email info@nuovoteatrosanita.it.

“Glam city” al Nuovo Teatro Sanità

Standard

Glam-City4Sarà in scena al Nuovo Teatro Sanità da venerdì 26 gennaio lo spettacolo “Glam city” adattamento dell’omonimo romanzo di Domenico Trischitta, interpretato da Silvio Laviano, per la regia di Nicola Alberto Orofino.

Protagonista è Gerry Garozzo, un ragazzo diverso della Catania anni ’70 che sogna di entrare nel mondo dello spettacolo. A Catania, la sua glam city, assieme ad altri variopinti amici tenterà una rivoluzione di costume, fatta di travestitismo e trasgressione, ma presto dovrà fare i conti con il suo sogno miseramente infranto.

Ma “Glam city” è anche la storia di una città che ieri come oggi vive la contraddizione di essere luogo di provincia disperatamente alla ricerca di un riscatto: da sempre legata alle tradizioni della sua festa, del suo teatro, dei suoi quartieri sgarrupati, dei suoi cittadini strafottenti, di una movida sfrenata e apparentemente spensierata, eternamente in cerca e forse per questo mai contenta; proiettata sempre verso un glam che riesce raramente a realizzare, ed è forse per questo che la piccola city, schiacciata fra il vulcano e il mare, resta eternamente uguale a se stessa. Continua a leggere

L’Orestea di Testori a Galleria Toledo

Standard

SdisoreSarà in scena fino al 30 aprile a Galleria Toledo lo spettacolo “SdisOrè” di Giovanni Testori per la regia di Gigi Dall’Aglio con Michele Maccagno e le musiche eseguite da Emanuele Nidi.

“SdisOrè” ripercorre la strada della riscrittura delle grandi tragedie, già sperimentata da Testori con Ambleto, Macbetto e Edipus. L’Orestea di Eschilo diventa materia plasmabile da reinventare radicalmente, per affidare ad un narratore monologante il tormento di Oreste, le voci e i corpi di Clitennestra, Egisto e Elettra. Centro del testo è la parola incarnata che genera ogni volta una lingua nuova, dove il dialetto lombardo è solo il polo d’attrazione al quale si legano lingue vive e inventate.

Un solo attore in scena da’ vita a tutti i personaggi, ma continua a fermarsi per far emergere la sua storia, perché solo partendo dalla nostra identità si può far emergere quella altrui: Oreste torna a casa per vendicare il padre Agamennone, ucciso da Clitennestra e dal suo nuovo ganzo, Egisto, che ora ne usurpa il trono. Accompagnato dall’amico Pilade, trova ad attenderlo alla tomba di Agamennone la sorella Elettra. Continua a leggere

“1983 Butterfly” a Galleria Toledo

Standard

galleriatoledo_1983Sarà in scena fino a domenica 19 marzo al teatro Galleria Toledo lo spettacolo “1983 Butterly”, scritto e diretto da Giorgia Cerruti che ne è anche interprete insieme a Davide Giglio.

Lo spettacolo racconta la storia d’amore e di spionaggio basata sulla controversa biografia di Bernard Boursicot, addetto diplomatico presso l’ambasciata francese di Pechino: l’incontro di questi nel 1964 con la cantante dell’Opera di Pechino, Shi Pei Pu, negli anni in cui Mao Tze-Tung era alla guida della Repubblica Popolare Cinese, s’intreccia al corso della politica internazionale della seconda metà del Novecento.

La pièce offre vigorosi spunti per una indagine sulla definizione della sessualità e del gender, sulla manipolazione politica e giudiziaria, sull’opportunità etica e morale e sulla opposizione dei concetti di verità e verosimiglianza. Continua a leggere

“Le serve” di Genet en travesti al Nuovo Sanità

Standard

nts_genet Da venerdì 10 marzo sul palco del Nuovo Teatro Sanità va in scena “Requiem per due serve”, una riscrittura en travesti de “Le serve” di Jean Genet ad opera di Fabio Brescia che ne è anche interprete insieme a Stefano Ariota e con la partecipazione di Franco Iavarone, per la regia di Gerardo D’Andrea.

“Le serve” ha debuttato nel 1946 e rappresenta il primo testo che Genet ha scritto per il teatro. L’azione si svolge all’interno di una casa dove protagoniste sono le due donne di servizio, Solange e Claire, che giocano a recitare le parti di serva e padrona, alternandosi a interpretarle durante l’assenza di Madame, la reale proprietaria. In “Requiem per due serve”, le protagoniste sono consapevoli della loro condizione di sottomesse e il violento omicidio che commetteranno rappresenta la loro vendetta verso la Signora che le sfrutta ed umilia. Continua a leggere

“Idroscalo 93”, il mistero Pasolini al Nuovo Sanità

Standard

nts_idroscaloDa venerdì 3 marzo al Nuovo Teatro Sanità va in scena “Idroscalo 93 – La morte di Pier Paolo Pasolini”. Scritto da Mario Gelardi e diretto e interpretato da Ivan Castiglione, lo spettacolo racconta le vicende giudiziarie seguite alla tragica morte del poeta italiano che, a distanza di 42 anni, non sono ancora giunte a fare chiarezza su quello che è un vero e proprio mistero italiano.

“Idroscalo 93” analizza teatralmente l’intrico di vicende che legano l’omicidio di uno dei più grandi intellettuali italiani al caso Mattei. Un’attenta ricostruzione di eventi realizzata attraverso gli atti del processo Mattei, che ha portato la vicenda all’attenzione del pubblico prima che se ne occupassero gli organi di informazione.

“Ho voluto raccontare, in maniera chiara e diretta – spiega Ivan Castiglione – le importanti vicende che ruotano attorno alla morte del poeta e alcune sorprendenti novità giudiziarie, senza mezzi termini. Contemporaneamente, ho voluto rappresentare il mondo artistico di Pasolini attraverso frammenti delle sue opere, della sua poesia, dei suoi film”

Continua a leggere

“Lo specchio di Adriano” al Teatro Il Primo

Standard

ilprimo_adrianoSabato 4 e domenica 5 febbraio al Teatro Il Primo, l’attore e regista Arnolfo Petri riporta eccezionalmente in scena con “Lo specchio di Adriano”: tratto liberamente da “Memorie di Adriano” di Marguerite Yourcenar, uno dei romanzi più imponenti del Novecento che narra la vicenda dell’imperatore romano, del suo amore per l’arte e per il giovane Antinoo.

Nella riduzione drammaturgica di Arnolfo Petri, Adriano è un uomo come tanti, incapace di “sentirsi grande” e alla disperata ricerca di un modo per conciliare felicità e dovere, intelligenza e sentimento, desiderio e volontà. Un uomo alle prese con il tramonto della vita e con la morte. Continua a leggere

“Quei ragazzi del ’96” al Grand Hotel Parker’s

Standard

nts_ragazzidel96Da venerdì 13 a domenica 15 gennaio torna al Grand Hotel Parker’s, con un appuntamento speciale, il format Do not disturb – il teatro si fa in albergo ideato da Mario Gelardi e Claudio Finelli e prodotto da Nuovo Teatro Sanità.

Nella suite presidenziale dell’albergo andrà in scena una nuova versione del format dal titolo “Quei ragazzi del 96”, scritto da Claudio Finelli, diretto da Fabio Rossi e Carlo Caracciolo, e interpretato da Riccardo Ciccarelli, Fabiana Fazio, Gennaro Maresca, Alessandro Palladino, Ciro Pellegrino e Fabio Rossi.

È la primavera del 1996 e a Napoli soffia un vento nuovo: a pochi giorni dal primo Gay Pride convocato a Napoli, un gruppo di amici si riunisce per festeggiare il compleanno di uno di loro. Ma la festa si trasforma in un ironico gioco della verità. Tra silenzi, paure e rancori, un affresco intenso e commovente di un’umanità che iniziava a sperimentare l’euforia e la difficoltà di uscire alla luce del sole. Continua a leggere

“Il sentiero dei passi pericolosi”, Bouchard al NEST

Standard

Sabato 19 novembre al termine dello spettacolo, Michel Marc Bouchard incontrerà il pubblico. L’incontro sarà moderato da Michele Mele, art manager per la compagnia Stabile/mobile Antonio Latella e docente di organizzazione teatrale Accademia Silvio d’Amico.

bouchardSabato 19 e domenica 20 novembre al NEST – Napoli Est Teatro andrà in scena “Il sentiero dei passi pericolosi” di Michel Marc Bouchard per la regia di Simone Schiocca e l’interpretazione di Mauro Parrinello, Andrea Fazzari e Matteo Sintucci.

Protagonisti della piéce sono tre fratelli molto diversi fra loro: il piccolo borghese Carl, il gallerista omosessuale Ambroise e il silenzioso Victor. Il giorno delle nozze di uno di loro viaggiano insieme verso il luogo della cerimonia ma si perdono in una foresta. In questa solitudine sono costretti a parlarsi: s’illuminano così, violentemente, episodi del loro passato. Continua a leggere