Cromatica, i cori lgbt al San Carlo

Standard

cromaticaSi svolgerà domenica 28 maggio a Napoli la terza edizione di Cromatica, il festival dei cori lgbt italiani, organizzato quest’anno dall’associazione iKen Onlus, di cui il coro corAcor – Napoli Rainbow Choir è il progetto musicale.

L’appuntamento è al Real Teatro San Carlo sul cui palco si alterneranno le voci dei cori corAcor (Napoli), Checcoro (Milano), Good News (Milano), Qoro (Torino), Roma Rainbow Choir (Roma) e Stranivari (Terni).

La serata, presentata da Vladimir Luxuria e da Vanni Fondi, vedrà la partecipazione dell’attrice napoletana Imma Villa.

I cori lgbt sono formazioni corali di canto composti da persone di ogni orientamento sessuale che operano a favore dei diritti delle persone lgbt. Tramite il canto corale, espressione universale di armonia e condivisione, i cori lgbt chiamano il pubblico e le istituzioni a una riflessione sull’importante tema dell’uguaglianza di diritti e doveri per tutte le persone, per una società più giusta, libera e felice. Continua a leggere

Una notte al Museo con Arcigay Napoli

Standard

nottealmuseoGiovedì 28 luglio, in occasione dei Giovedì dell’Arte, l’associazione Arcigay Napoli propone un evento dal titolo “La notte degli dei e degli eroi. Itinerari tra Mito, Eros e Natura”

Si tratta di una visita serale alle collezioni del Museo Archeologico Nazionale di Napoli, uno dei più importanti nel mondo per l’archeologia classica: voluto nel 1777 da Re Ferdinando IV di Borbone e inaugurato nel 1816 come “Real Museo Borbonico”, con l’unità d’Italia assume la nuova denominazione di “Museo Nazionale”.

Al suo interno sono conservate alcune collezioni di valore europeo: la collezione Farnese (voluta da Papa Alessandro III Farnese e composta da antichità rinvenute nella zona delle Terme di Caracalla), la collezione Egizia, la collezione dei Mosaici (provenienti dalle case vesuviane da cui sono stati staccati in età borbonica) e il Gabinetto segreto (per molti anni chiuso al pubblico e contenente materiali di soggetto erotico raccolti nel 700). Continua a leggere

Gabbie di genere, le opere di Paolo Valerio in mostra a Castel dell’Ovo

Standard

valerio_genderMartedì 12 luglio presso il Salone delle Carceri di Castel dell’Ovo si inaugura la mostra personale di Paolo Valerio dal titolo “Gender roles, gender cages and surroundings” .

L’esposizione è composta da varie installazioni e sculture in cui risulta evidente l’attrazione per le qualità e capacità intrinseche della materia di stampo poverista: corde, cime, oggetti di scarto, plastiche assemblate in gabbie di reti cilindriche: le reti di Paolo Valerio sono sinapsi, non intese a livello biologico, bensì come blocchi, difese, aree dell’inconscio, le vulnerabilità dell’io rispetto ai contesti.

Paolo Valerio come in un ready-made 2.0 recupera, decontestualizza, le sue reti però sottendono un corto circuito visivo e rappresentano gabbie di genere: il gender, l’intersessualità sono tra i temi principali della sua ricerca universitaria da diversi anni; sono prigioni dalle quali, secondo l’artista, dovremmo liberarci, specchio di una cultura profondamente binaria. Continua a leggere