Unioni civili, prime coppie a Napoli e Avellino

Standard

unionicivili_napoliIeri mattina presso la Sala Giunta di Palazzo San Giacomo di Napoli alla presenza di Daniela Villani, Assessora alla Qualità della vita e Pari Opportunità, è stata ricevuta la prima coppia che ha dichiarato intenzione di voler costituire una Unione civile dello stesso sesso.

Si tratta di Antonello Sannino, presidente di Arcigay Napoli, e del suo compagno Danilo. L’Unione civile sarà celebrata entro fine settembre nella Sala della Loggia del Maschio Angioino.

“Questa firma – ha dichiarato Sannino – è il simbolo dell’abbattimento di un muro di ipocrisia durato millenni in Europa, nel nostro Paese e nella nostra città. Il prossimo muro da abbattere sono il riconoscimento dei diritti dei bambini che sono all’interno di coppie omosessuali e le adozioni”

Continua a leggere

Unioni civili, da metà agosto anche a Napoli. A San Giorgio tutto pronto per le celebrazioni

Standard

comune-napoliA partire da metà agosto la Municipalità I (Chiaia) inizierà a raccogliere le richieste di tutte le coppie omosessuali che vogliono unirsi civilmente e da settembre sarà possibile farlo in tutte le dieci Municipalità. Le unioni potranno essere celebrate presso la Sala della Loggia del Maschio Angioino o presso la sede della Municipalità.

Ad annunciarlo è Daniela Villani, Assessore alle Pari Opportunità del Comune di Napoli, in risposta ad una polemica nata sui social su un presunto ritardo da parte del Comune

“La legge Cirinnà – chiarisce l’assessore – era attesa fin dal 2015, il parlamento ha legiferato un testo pesantemente censurato e ridimensionato e il regolamento provvisorio è entrato il vigore solo il 29 di luglio. Le poche unioni civili celebrate ad oggi in Italia sono casi unici, Napoli si sta trutturando per riconoscere tale diritto fondamentale a chiunque lo desideri”

Continua a leggere

Unione civile per il primo Sindaco gay. Arcigay: “un evento significativo”

Standard

giorgio_micheleGiorgio Zinno, primo cittadino di San Giorgio a Cremano (Na) e primo Sindaco dichiaratamente gay, si unirà civilmente con il suo compagno il prossimo 24 settembre. La notizia sarà ufficializzata nei prossimi giorni ma Zinno l’aveva già anticipata a margine dell’incontro con la Console americana Colombia A. Barrosse in occasione della consegna dell’Antonio d’Oro.

“I tempi erano maturi per l’unione – spiega Zinno a la Repubblica Napoliattendevamo la legge più che la volontà. E’ un’unione in tutti i sensi, non con lo stesso rito ma resta per me un momento importante che vivremo con le famiglie, gli amici e i compagni di partito. Per fortuna il rito civile c’è, il matrimonio serve anche a dimostrare che non siamo marziani improvvisamente scesi dal cielo ma coppie che vivono insieme da anni nella normalità”

Infatti la coppia ufficializza la propria unione dopo 6 anni di fidanzamento e 3 di convivenza. La cerimonia si terrà a Pietrarsa, all’interno del Museo ferroviario, e sarà celebrata dalla Senatrice Monica Cirinnà. Per l’occasione Arcigay Napoli consegnerà alla coppia la tessera onoraria dell’associazione per il valore simbolico della loro unione Continua a leggere

Rivoluzione Cirinnà al Nuovo Sanità

Standard

Il Kju Festival, l’edizione zero del Campania Queer Festival, continua fino a domenica 26 giugno con incontri e dibattiti..

cirinnaGiovedì 23 giugno, presso il Nuovo Teatro Sanità, nell’ambito del Kju Festival, si terrà l’incontro dal titolo “Rivoluzione Cirinnà” a cui prenderà parte la senatrice Monica Cirinnà, promotrice del testo di legge sulle Unioni civili entrato in vigore lo scorso 5 giugno.

Nel corso dell’incontro si discuterà di cosa cambia dopo l’approvazione della legge sulle Unioni civili. Interverranno il prof. Massimo Villone (Costituzionalista, Università Federico II di Napoli) e Antonello Sannino (presidente di Arcigay Napoli). Coordina Claudio Finelli. Continua a leggere

Sabato 5 marzo l’Italia laica in piazza per il matrimonio egualitario

Standard

ora_dirittiallametaIl Senato lo scorso 25 febbraio ha votato la fiducia al Governo sul maxi-emendamento (frutto dell’intesa tra Pd e Ncd) che modifica il ddl Cirinnà (ora senza stepchild adoption e obbligo di fedeltà). Il testo ora passa alla Camera per il sì definitivo.

Nel frattempo le associazioni lgbt hanno indetto una manifestazione nazionale in piazza del Popolo a Roma per sabato 5 marzo per ribadire le istanze di uguaglianza oggi messe in gioco, spesso con toni inaccettabili, nella discussione sulle unioni civili.

Sono invitati a partecipare non solo gay, lesbiche e trans ma anche tutta la società civile, laica e democratica per dare vita una “primavera dei diritti” e avviare una stagione che porti al matrimonio egualitario.

Partiranno autobus da Napoli, Salerno e Caserta. Continua a leggere