Omofobia, due aggressioni a Quarto e a Scampia

Standard

omofobia1Due aggressioni di stampo omofobo, si sono verificate negli ultimi giorni a Quarto e a Scampia. Il primo caso, avvenuto sabato scorso, è stato reso noto dalla stessa vittima sul suo profilo Facebook: Dario viene prima importunato sul treno che da Napoli lo porta a Quarto da alcuni ragazzi che lo prendono in giro per il suo abbigliamento e poi, giunto a destinazione, da varie persone che incontra sul percorso che lo porta a casa; ogni richiesta di aiuto cade nel vuoto e anche i Carabinieri a cui si rivolge non fanno nulla.

Il secondo caso viene riportato, invece, da La Repubblica Napoli, vitima un uomo di 36 anni, aggredito da due ragazzi di 14 e 17 anni: l’uomo è stato ferito da una bottiglia che i due ragazzi gli hanno lanciato. In seguito alla denuncia dell’uomo i due minori sono stati individuate e denunciati.

“Nell’ultimo mese – dichiara Antonello Sannino, presidente di Arcigay Napoli – la situazione si è andata facendo sempre più critica e siamo preoccupati per queste ondata violenta e reazionaria contro la comunità lgbt, che però finalemente denuncia sempre con maggior frequenza. Occorre ora programmare interventi strutturarti nelle scuole e nella società civile, chiediamo ancora una volta che il Comune di Napoli possa finalemte individuare un luogo di accoglienza per le persone gay bisessuali lesbiche e trans vittime di violenza”

La letteratura lgbt a Poetè

Standard

poete_lgbt Primo appuntamento dell’anno nel salottino del Chiaja Hotel de Charme con la rassegna letteraria Poetè, interamente dedicato alla letteratura gay .

Giovedì 12 gennaio, infatti, ospite del salotto letterario curato da Claudio Finelli sarà Gian Pietro Leonardi curatore del volume “L’arte del desiderio. Omosessualità, letteratura, differenza” (Il Mulino). Letture a cura di Carlo Damasco.

Attraverso le testimonianze e le riflessioni di scrittori e critici di diversi paesi, il libro di Leonardi intende offrire un’occasione di confronto sul rapporto tra scrittura e (omo)sessualità: da strumento di legittimazione, di riconoscimento e di circolazione dei saperi per taluni, a forma di propaganda di un’improbabile e semplicistica “ideologia del genere” per altri, la “letteratura omosessuale” ha avuto un grande sviluppo e una diffusione insospettata ed è oggi una presenza riconosciuta all’interno del canone occidentale, del quale aveva talvolta anticipato linguaggi, temi e percorsi. Continua a leggere

“Niente fiori ma opere di bene” al Nuovo Sanità

Standard

nts_nientefioriTornano in scena al Nuovo Teatro Sanità le tre cattivissime signore de “La terza comunione”. Da mercoledì 28 fino a venerdì 30 dicembre, infatti, sul palco di piazzetta San Vincenzo, le protagoniste dello spettacolo di successo della passata stagione ritornano in “Niente fiori ma opere di bene” (scritto e diretto sempre da Mario Gelardi).

Lo spettacolo è un piccolo esperimento di drammaturgia seriale che vede i personaggi impegnati in un’altra avventurosa funzione religiosa, questa volta un funerale: dalla visita a casa della vedova, al corteo funebre.

Ad interpretare le tre bizzoche en travesti, Carlo Caracciolo, Luigi Credendino e Ciro Pellegrino, affiancati da Anna De Stefano, Carlo Geltrude e Sasi Nicolella.

La voce delle tre donne di chiesa è la voce della collettività, di un atavico “pulpito da cui viene la predica”, quello di chi siede tra i banchi e sottovoce, tra una preghiera e un salmo, commenta tutto, ma proprio tutto quello che accade in chiesa e fuori. Una sorta di coro greco ristretto dalla voce feroce, quella di chi crede di essere sempre seduto dalla parte giusta.

Orario spettacoli: ore 21.00. Il Nuovo Teatro Sanità si trova in piazzetta San Vincenzo 1 (Rione Sanità) a Napoli. Per info e prenotazioni: 339 66 66 426 | info@nuovoteatrosanita.it | nuovoteatrosanita.it

Prima Unione civile a Volla (Na) osteggiata dal Sindaco

Standard

volla-municipio-1Come riportato da alcune testate online, due ragazzi di Volla (Na) che lo scorso 13 dicembre si sono uniti civilmente sono al centro di una singolare vicenda.

Infatti la cerimonia – la prima Unione civile del comune di Volla – non solo è stata celebrata da un’anonima impiegata, visto che il Sindaco Andrea Viscovo ha preferito non officiarla, ma oltretutto si è svolta presso l’ufficio Anagrafe dato che, sempre per disposizione del primo citadino, non è stata messa a disposizione la sala del Municipio di solito utilizzata per officiare i matrimoni civili.

Nei mesi scorsi, dopo l’approvazione della legge Cirinnà, pare che il Sindaco nel corso di un Consiglio Comunale avesse espresso una certa contrarietà circa la celebrazione delle Unioni civili, parlando anche di “obiezione di coscienza” Continua a leggere

Omovies, al via la nona edizione

Standard

omovies2016Prenderà il via martedì 13 dicembre presso il Cinema Academy Astra la nona edizione di Omovies Film Festival, la più importante rassegna di cinema lgbtq del sud Italia organizzata da iKen Onlus.

A tagliare il nastro alle 20.30 sarà la madrina Vladimir Luxuria. A seguire la proiezione fuori concorso del corto “Misteriosofica fine di una discesa agli inferi” diretto da Giuseppe Bucci e interpretato da Imma Villa a cui sarà consegnato il Premio Speciale Ken.

Oltre alla proiezione dei film in concorso, ci sono in programma una serie di eventi: la proiezione del film “Favolose! Storie In Passerella” di Roberta Ferrar e Luca Oliviero, a cui seguirà un incontro con Ileana Capurro e Loredana Rossi di ATN – Associazione Trans Napoli (mercoledì 14 alle ore 20.00); l’incontro con l’attore indiano Yuvraaj Parashar, protagonista, per la prima volta nella storia di Bollywood, di un bacio tra due uomini (giovedì 15 alle 14.30 presso l’Istituto Cervantes); la consegna del Premio OK, dedicato alla memoria della cantante transgender Valentina OK e la proiezione del lungometraggio “Kiki” di Sara Jordenö,a cui seguirà un dibattito moderato da Antonio Borrrelli, presidente di ArciMovie, a cui prenderanno parte Rami Shakra, funzionario della Missione Diplomatica degli USA in Italia e Carlo Cremona, presidente di Ken Onlus e direttore artistico di Omovies (venerdì 16 dalle 19.30). Continua a leggere

Poetè, “La vita a rovescio” al Chiaja Hotel

Standard

poete_baldelliNuovo appuntamento nel salottino del Chiaja Hotel de Charme con la rassegna letteraria Poetè.

Giovedì 17 novembre ospite del salotto letterario curato da Claudio Finelli sarà Simona Baldellli per presentare il suo romanzo “La vita a rovescio” (Giunti). Insieme all’autrice interverrà Chiara Piccoli, presidente di Arcilesbica Napoli. Letture a cura di Rossella Scarano.

Protagonista del romanzo, ambientato nel 1735, è Caterina Vizzani, ragazza appena quattordicenne convinta di essere nata a rovescio: ama lavorare nella falegnameria del padre, detesta il cucito e le altre occupazioni femminili, e il pensiero di sposarsi la terrorizza. Ma proprio a scuola di ricamo incontra Margherita, la figlia di un avvocato molto vicino al Papa, che la conquista leggendole le meravigliose avventure di Bradamante, la donna cavaliere dell’Orlando innamorato.
La vita di Caterina subisce una brusca svolta quando viene accusata di sodomia e stregoneria: costretta a fuggire e a nascondersi, segue il suggerimento di una prostituta e decide di vestire panni maschili e trasformarsi in Giovanni Bordoni. Come per magia le porte della società si spalancano e davanti a Caterina si dispiega una strada lastricata di occasioni e piacere. Continua a leggere

Allo Stadio Giraud di Torre Annunziata si è celebrata la Giornata dell’Amore Libero

Standard

savoia_amoreliberoSi è celebrata ieri allo Stadio Giraud di Torre Annunziata (Na) la Giornata dell’Amore Libero. A volerla è stato il vicepresidente del Savoia Calcio – squadra cittadina che gioca nel campionato regionale d’eccellenza – che la scorsa settimana si è unito civilmente con il suo compagno.

I giocatori della squadra di casa come quelli della squadra avversaria, l’Isola di Procida, sono scesi in campo con una maglietta col la scritta “amore libero”, la stessa maglietta è stata poi distribuita a tutti i partecipanti.

“L’iniziativa del Savoia Calcio – commenta Antonello Sannino, presidente di Arcigay Napoli e responsabile nazionale per lo sport di Arcigay – segna un passaggio storico per l’intero Paese: si sono moltiplicate in questi anni le iniziative nel mondo dello sport per contrastare l’omofobia, ma oggi crolla un tempio fatto di pregiudizi, di maschilismo e di sessismo”

Continua a leggere

Primo sì nel mondo del calcio, unione civile del vicepresidente del Savoia

Standard

matrimonio-gaySi è celebrata nei giorni a scorsi l’unione civile tra Giovanni e Carlo. A darne notizia è il quotidiano Metropolis: sarebbe un’unione come le tante che si stanno celebrando in questi giorni in tutta Italia se non fosse per il fatto che uno dei due “sposi” è Giovanni Salzano, vicepresidente del Savoia Calcio di Torre Annunziata (Na) e primo dirigente sportivo italiano a fare coming out.

“In un mondo come quello del calcio e dello sport in generale in cui un olimpionico come Clemente Russo fa dichiarazioni sessiste, prima sui gay e poi sulle donne – ha commentato su Repubblica.it Antonello Sannino, presidente di Arcigay Napoli e delegato nazionale pe lo sport – Salzano diventa un esempio positivo. L’omofobia è abbastanza radicata ancora, purtroppo, non solo tra i tifosi”

Ischia, prime Unioni civili: “sembrava impossibile fino a qualche mese fa”

Standard

unionicivili_ischiaSi sono celebrate nel Comune di Ischia le prime Unioni civili. A celebrarle nella sala Consiliare il Sindaco Giosi Ferrandino. Ad unirsi Domenico e Salvatore (50 e 42 anni) insieme dal 1994.

“Vogliamo dedicare simbolicamente la nostra unione civile – hanno dichiarato i due sulle pagine di Repubblica.ita quanti sono stati meno fortunati di noi. Agli uomini e alle donne omosessuali che nella Storia sono stati insultati, picchiati, confinati, incarcerati, reclusi in campi di concentramento, torturati e uccisi. Soltanto per aver amato”

Con l’Unione civile di Domenico e Salvatore si inaugura il Registro delle Unioni civili di Ischia. Il Registro è stato istituito in 2 dei 6 comuni dell’isola che, fino a qualche tempo fa, saliva agli onori delle cronache per la scritta “non votare il frocio”, fuori una scuola in cui si votavano i rappresentanti di istituto. Continua a leggere

Omofobia a Salerno: aggredito un ragazzo

Standard

omofobia_salernoE avvenuto nei giorni scorsi a Salerno l’ennesimo caso di omofobia. Il ragazzo di nome Dario si trovava al Parco Pinocchio con indosso una maglia con la scritta “Io gay”.

Dario ha denunciato l’accaduto in un video su Facebook in cui mostra le contusioni subite e i referti dell’ospedale in cui è stato assistito e medicato.

“Mi sono sentito una botta dietro la nuca – racconta dario a gay.ite sono caduto a terra: mi hanno dato calci e pugni, ho punti ovunque e sono ammaccato ovunque. L’unica cosa che loro mi dicevano è ‘frocio di merda, i ricchioni devono morire’. Tutto questo casino solo per una maglietta”

fonte/foto: gay.it