candelora pridePer il secondo anno consecutivo l’associazione I-Ken Onlus organizza una serie di eventi in occasione della Candelora (nella giornata del 2 febbraio in cui nella tradizione cattolica, si celebra la Presentazione del Signore).

Presso il Santuario di Montevergine si svolge la tradizionale festa dedicata a Mamma Schiavona, a cui sono particolarmente devoti i femminielli napoletani, caratterizzata dalle tipiche tammurriate. Un misto di sacro e profano che, nonostante alcune polemiche negli scorsi anni, è stata sempre tollerata dai padri Virgiliani che custodiscono il santuario.

Quest’anno gli appuntamenti sono tre e mescolano la tradizione alla rivendicazione dei diritti e la riflessione al divertimento. Venerdì 1 febbraio prologo con la tombolata dei femminielli presso l’Agorà, locale nel centro storico di Avellino.

Sabato 2 febbraio, giorno della Candelora, l’appuntamento è all’ingresso della funicolare di Mercogliano (AV) per il Candelora Pride e la Juta a Montevergine (ovvero il tradizionale pellegrinaggio al Santuario).

Nel pomeriggio, alle 17.00, presso il Centro Culturale V. Hugo di Avellino ci sarà un dibattito moderato da Leila Daianis (presidente nazionale Libellula) a cui parteciperanno tra gli altri l’On. Vladimir Luxuria, Carlo Cremona (presidente di I-ken) e Laura Matrone (presidente MIT Napoli).

Nell’occasione sarà presentato il dvd “La Candelora a Montevergine: nuove tradizioni, antichi diritti” realizzato dal Prof. Paolo Valerio del dipartimento di Neuroscienze dell’Università degli Studi di Napoli “Federico II” insieme al regista e ricercatore Nicola Nisci.

La giornata si concluderà in discoteca al GarageRecords di Avelino (a partire dalle 22.00), mentre domenica 3 febbraio l’appuntamento è al Rising Mutiny con il “Gran Ballo in Maschera”

Per l’occasione saranno organizzati bus in partenza dalla stazione Campi Flegrei di Napoli.
Per info: 392 388 71 47 | 339 621 51 47

Segnala questa notizia su ZicZac! | trackback